Passa ai contenuti principali

Io sono...


Mi chiamo Raimonda, ma sono Ramona. 

Tutte e due nasciamo all’ombra del Vesuvio e, fin da subito, siamo costrette a vivere con la doppia natura del nome, nordica e mediterranea. 
Fedele a tutte e due, sono laureata in Lingue e Letterature Straniere, scegliendo l’inglese, per dare da mangiare alla fame del nord Europa, e lo spagnolo, per sentirmi ancora la lava del Vesuvio nelle vene.

Tra tutte, alla fine, ha vinto la passione per l’America, grazie alla quale ho dato alla luce una tesi su Paul Auster e New York. E ne vado fiera come di un figlio bello, simpatico e pieno di amore per la mamma!

Da piccola volevo fare la scrittrice e da grande mi sono trovata a fare la giornalista, giusto per sfogare la voglia perenne di avere a che fare con le parole. Che quando non le scrivo, continuano a passeggiarmi nella testa, sotto forma di versi, frasi, ritornelli...

Ho un romanzo nel cassetto, forse addirittura più di uno, con contorno di tanti racconti e altri progetti. Tra cui quello di costruire un cassetto più grande.

Quando ero piccola il mio sogno di viaggio era Londra. Quando poi ci sono andata, ho capito che il mio sogno era il viaggio e da allora non ho più smesso. 

Né di sognare, né di viaggiare. 

Il mio viaggio del cuore è stato a Parigi. Il viaggio del cuore del mio cuore è stato a New York.
Il viaggio che ancora devo fare è quello che aspetto con più trepidazione...

Leggimi nel pensiero è la stanza dove torno quando voglio staccare dalla realtà e mettere nero su bianco la "mia" realtà più bella, fatta di libri, di persone che incontro, di cose che penso.
Era nato come un blog in cui avrei voluto parlare di libri ed è diventato molto di più: una porta per far entrare e uscire cose belle. Belle per me, almeno.

Riassumendo.

Io sono Ramona e scrivo.

Voi, se avete voglia, leggetemi (nel pensiero)!

Commenti

  1. Bellissima presentazione, complimenti! E complimenti anche per le cose belle che condividi con noi che leggiamo...

    RispondiElimina
  2. Quindi pensi utilizzando le parole, come fa un pittore mentre dipinge e forse, hai gli appetiti di una visionaria.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …