Passa ai contenuti principali

Recensione: L'amore secondo me di Cassandra Rocca



Alcuni libri sono come una coperta calda in un pomeriggio d'inverno, ben fatti, rassicuranti e carezzevoli. Un buon romance, per me, deve avere anche queste caratteristiche.

"L'amore secondo me" di Cassandra Rocca [Newton Compton Editori] è una carezza al lettore, una piccola oasi dove rifugiarsi alla ricerca di una bella storia e di bei sentimenti, il tutto raccontato con la fluidità di chi sa scrivere di sentimenti.

Taylor Andrews è un architetto che, nello studio super glamour dove lavora, è l'ultima ruota del carro. Quando le si presenta l'occasione di occuparsi di un progetto, si getta a capofitto senza tener conto che dovrà partire a Natale per andare nella sperduta cittadina di Snowy Pine, nel New England. Tra le montagne, Ryan Greenwood è nel suo elemento naturale e tutta la città lo ama. Del resto, lui farebbe di tutto per proteggere quell'angolo incontaminato di paradiso. L'incontro tra i due non nasce sotto le più rosee prospettive, ma l'amore sta scolpire il suo lieto fine anche tra i picchi più gelidi e innevati.

La storia d'amore è raccontata con la solita maestria con cui Cassandra Rocca ha saputo incantare il lettore nel corso degli anni.
Pur essendomi persa la serie "Tutta colpa di New York", ho scoperto questa autrice italiana con "Tutta colpa di quel bacio" e ne sono stata conquistata. 
La costruzione dell'intreccio e la caratterizzazione dei personaggi costituiscono il suo maggior punto di forza, in grado di dare originalità al più classico degli happy ending.
La trama è quella da film di Natale e l'atmosfera calda da favola rende "L'amore secondo me" la lettura/rilettura perfetta sotto un pino illuminato da mille lucine. 

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il pianto dell'alba di Maurizio de Giovanni

Considerate adesso un colpo di vento. Consideratelo nel momento della sua nascita, in una terra remota, ignaro della strada che dovrà percorrere, fatta di notte e di mare.
Un amore durato tredici anni può scomparire semplicemente scrivendo fine sull'ultima pagina? Che abbiate esperienza d'amore o no, la risposta non potrà essere positiva, perché il cuore non è una luce che si accende e si spegne senza lasciare strascichi più o meno evidenti del suo passaggio. Con mille scintille che ancora sprizzano di tanto in tanto, il mio cuore ha letto "Il pianto dell'alba" di Maurizio de Giovanni [Einaudi], ultimo capitolo della serie dedicata al commissario Ricciardi.
Dopo tredici anni e tredici libri, lo scrittore ha immaginato una conclusione per le vicende dell'amatissimo personaggio - amatissimo da me, dai suoi lettori e anche da lui, è evidente - del commissario già barone di Malomonte, Luigi Alfredo Ricciardi. Lo ritroviamo un anno dopo la conclusione de "Il p…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …