Passa ai contenuti principali

In vacanza con un libro

foto da Unsplash.com.

Agosto, per me, è sempre stato un momento per i bilanci da ultimo dell'anno, in vista del nuovo inizio di settembre.
Il riposo del corpo, perfino l'ozio, associato ad una attività mentale sfarfalleggiante, mi hanno sempre fatto venire un sacco di idee, buone di per sé, anche senza la necessità di concretizzarsi a tutti i costi.

Queste giornate d'agosto sembrano più lente e più leggere, i vestiti allentati, le abitudini cambiate, i pensieri liberi di spaziare in ogni dove.
Il tempo lento di agosto mi ha fatto intravedere la speranza di poter ricominciare a scrivere.
Delle storie mi si sono presentate chiedendomi di essere raccontate.
Al mese di settembre, se potessi chiedere un regalo, chiederei di darmi il tempo e lo spazio per cercare di raccontare quelle voci che mi hanno confidato i loro segreti. Non fosse altro per verificare di esserne ancora capace.

La valigia delle vacanze non è pronta - ma quando mai le mie valigie sono pronte?! - però in compenso ho già scelto i libri da portare con me. Complice il nuovo lettore ebook che mi ha regalato mio marito - finora ho sempre letto dall'iPad - porterò con me una vera e propria biblioteca, tra le letture che ho in arretrato e gli ultimi arrivi dalle case editrici. Ci sono libri che, a intuito, so essere belli, altri che mi incuriosiscono, qualcuno che so già che mi deluderà. Quello che non manca, però, è la voglia di tuffarmi nelle parole, nelle storie immaginate da altri e, a mia volta, immaginarle un po' più vicino a me.

Questo blog si prenderà una pausa per tutto il mese di agosto, ma cercherò di tenere aggiornata la mia lista delle letture su Instagram. Sono iscritta dal 2013, ma è solo negli ultimi tempi che lo frequento davvero assiduamente. All'inizio raccontavo le mie giornate, senza troppi calcoli - ci sono tantissime foto di cibo!!! -, poi da qualche tempo ho trasformato il mio profilo nel posto in cui racconto di me attraverso quello che leggo, e quindi anche le foto sono diventate più studiate. Vi consiglio di dargli un'occhiata, se non altro per dirmi cosa ne pensate.
Seguitemi anche lì!

Il bello di avere sempre tantissimo da fare in casa consiste anche nell'imparare a programmare capillarmente qualsiasi cosa ma a lasciare tanto - tantissimo! - spazio per l'improvvisazione. Senza volerlo ho iniziato ad applicare questo principio anche a questo blog e ai miei progetti esterni.
Per settembre, in virtù di quell'elasticità che è diventata il principio fondante del mio essere - o almeno, ci sto lavorando - non ho grandi annunci di progetti programmati, ma resto aperta a qualsiasi idea dovesse presentarsi mentre faccio finta di riposarmi al mare.

Buone vacanze e portate un libro con voi che, all'ultima pagina, vi lasci migliori di quando lo avete iniziato!




Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…