Passa ai contenuti principali

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren


Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche.
A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.

"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole.
Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLoughlin si rivela un vero e proprio talento musicale e, se non fosse per il suo visto scaduto da quattro anni, potrebbe tranquillamente prendere il posto che gli spetta nel mondo dello spettacolo. Holland pensa allora di proporre a Calvin un matrimonio di interesse, così che lui possa ricevere il suo visto e rimanere a suonare negli Stati Uniti. E lei? Lei avrebbe sotto gli occhi - e sotto le mani - l'uomo che ha sognato per tanti mesi.

"Sotto lo stesso tetto" in teoria è un romance brillante, ambientato sotto le luci della ribalta di New York, con quel pizzico di attrazione ed erotismo che si scatenano in situazioni di equivoci e convivenze forzate. In realtà, il duo che firma col nome di Christina Lauren ci ha abituato a tutto questo, romance divertenti e leggeri ma di qualità [io ne ho letti un paio, Beautiful e Eccitante & divertente]. Stavolta, però, qualcosa è andato storto.

La storia non regge e ha diversi buchi nella trama, ma più di tutto ha pesato la traduzione che, mi dispiace dirlo, ha reso incomprensibili alcuni passaggi. Non c'è bisogno di aver studiato lingue (come ho fatto io) per capire che alcune cose in italiano non filano e, anzi, rendono farraginoso il testo: continuare a chiamare la fede "fascetta matrimoniale" come traduzione letterale di wedding band sa molto di traduttore automatico o di tanta ma tanta inesperienza.

Non posso che augurare prove più brillanti in un prossimo futuro, sia alla coppia Christina Lauren, che finora non mi aveva mai deluso, sia alla traduttrice di questo libro.
Perché sembra facile scrivere - e tradurre - un romanzo rosa, ma evidentemente non lo è.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…