Passa ai contenuti principali

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni


Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labbra e interpretare i gesti anche a distanza.
Incontriamo Sara seduta su una panchina al parco, al tramonto, mentre aspetta perfettamente immobile. Sara è invisibile ma vede tutto, lo ha sempre fatto, è così che ha scoperto segreti inconfessabili.
Adesso è in pensione e non avrebbe senso indagare su un caso già chiuso dalla polizia, ma dalla sua vecchia squadra le viene chiesto di verificare perché la conclusione dell'indagine, con una ammissione di colpa della presunta assassina, non convince l'ispettore Davide Pardo. E come fa l'assassina, dal carcere, a sapere che la sua bambina, affidata allo zio, è in pericolo di vita?

Pian piano conosciamo questo personaggio che è, allo stesso tempo, enigmatico e semplice, trasparente nella sua precisa volontà di abolire qualsiasi trucco o vezzo femminile e profondamente chiuso in se stesso. Ad affiancarla, nell'indagine e sulla scena narrativa, un personaggio maschile, l'ispettore Pardo, dalle inaspettate profondità emotive, che, secondo me, avranno modo di esplicarsi pienamente anche nei prossimi episodi.

Lo stile di Maurizio de Giovanni non fa ostaggi: o si ama o si odia. Con "Sara al tramonto", uno degli indiscussi maestri del noir italiano dà prova di saper interpretare qualsiasi voce si presti al suo orecchio di autore, che sia quella di un uomo degli anni '30, di un poliziotto ribelle dei giorni nostri o di una apparentemente attempata signora dall'aspetto un po' sciatto.
Sara mi ha preso per mano attraverso le parole del suo autore e adesso non sono sicura di riuscire ad aspettare finché non la rincontrerò ancora.
Ma, del resto, già lo sapevo: De Giovanni crea dipendenza e io sono anni che ne sono conquistata.

Giusto allora Sara ritenne di trovarsi nell'unico magico momento delle ventiquattr'ore in cui forse avrebbe potuto aprirsi. Con una ragazza lontana ma vicina, con cui condivideva un codice genetico altrimenti perduto, che la obbligava a un futuro a cui altrimenti avrebbe rinunciato. Sara al tramonto era diversa. Sara al tramonto aveva nel cuore una porta aperta in cima a una scala a chiocciola, e quella porta era la sua debolezza.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…