Passa ai contenuti principali

Segnalazione: King di Meghan March


King. Un re senza regole
Meghan March
SEM
In libreria dal 24 maggio

New Orleans è il mio regno.
Nessuno conosce il mio nome, ma in città il mio potere è assoluto. Ciò che voglio lo ottengo sempre. Mi piace che la gente sia in debito con me. E abbia paura. Soprattutto se si tratta di una bella, giovane vedova alle prese con un business da uomini. Lei non sa che la volevo da tempo. 
D’ora in poi io sarò il suo padrone. E poi potrei anche tenerla solo per il mio piacere.
Ora è il momento di riscuotere il mio debito. 
Keyra Kilgore è proprietà di Lachlan Mount.

Lachlan Mount è il re del mondo criminale di New Orleans, un malavitoso privo di scrupoli, pronto a sbarazzarsi di chi non fa ciò che dice. Tutti lo temono e lo rispettano, e non c’è nulla che avvenga in città senza che lui ne sia al corrente. Cammina su entrambi i lati della legge, e comanda in un mondo elegante e violento, un mondo dove la linea di demarcazione fra bene e male non esiste più. Un mondo dove vince il più forte, dove se non impari a difenderti sei spacciato.

Se desidera qualcosa, Lachlan Mount la ottiene senza indugio.
Keira Kilgore è la proprietaria di una distilleria che si tramanda di generazione in generazione. Ama il suo lavoro, la tradizione e la consapevolezza di mantenere in funzione l’impresa. Keira sta facendo di tutto per tenere a galla l’azienda di famiglia, che fino a poco prima gestiva insieme a suo marito. Poco dopo essere diventata vedova, Keira fa una scoperta scioccante: il marito non solo la tradiva, ma si era indebitato con strozzini pericolosi, è qui che le strade dei due protagonisti si incontreranno.

Meghan March, avvocato e autrice best seller, ha venduto più di due milioni di copie negli Stati Uniti. King è il primo capitolo di una trilogia, che prosegue con Queen e si conclude con Desire.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…