Passa ai contenuti principali

Recensione: Assolo di Edy Tassi


Non ne avremo mai abbastanza di storie nate sulle note della musica. Da Dirty Dancing a Footloose, passando per Billy Elliot, Save the Last Dance, Il Cigno Nero e Step up. Il binomio narrativa (scritta e cinematografica) e musica è sempre stato vincente, soprattutto quando c'è di mezzo l'amore.

Così il libro "Assolo" di Edy Tassi [Emma Books] si inserisce in questo filone di passione e danza ma, a parer mio, aggiunge una profondità ai personaggi che ha molto a che fare con l'originalità della buona scrittura.
Arianna Radburn è una ballerina che, dopo una lunga gavetta, è entrata nella compagnia di danza di Nicholas Morgan, un coreografo geniale che, suo malgrado, è spesso sui giornali per i gossip delle donne di cui si circonda.
Arianna, però, non può permettersi di dedicarsi solo alla danza perché ha bisogno di soldi, tanti soldi, per realizzare il sogno della madre che la tiene in pugno con una serie di ricatti morali. Del resto, anche Nicholas nasconde dentro di sé il vero motivo per cui vuole che il suo ultimo spettacolo sia un successo planetario.

A questo punto, sarebbe molto facile cadere nell'ovvio ma Edy Tassi costruisce dei personaggi molto complessi, a livello psicologico, e per questo la trama non cade mai nella banalità.
I canoni del romance sono rispettati in tutto e per tutto, compreso l'happy ending, ma per arrivare fin lì si passa attraverso trovate narrative singolari e appassionanti.

Leggete "Assolo" se amate tutti i film in cui la passione scoppia a passo di danza. Questo romanzo vi farà compagnia in ore piacevoli e, alla fine, vi strapperò anche un bell'applauso.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…