Passa ai contenuti principali

Recensione: Anime Pezzentelle di Elena Starace


La storia e la cultura più profonda di Napoli e dei napoletani si fondano su episodi, abitudini e rituali spesso inspiegabili ma che sono fondanti dell'essere e del sentire di un'intera città.
Uno di questi riti è quello delle anime pezzentelle, cioè l'adozione di una capuzzella al cimitero delle Fontanelle, un teschio tra le migliaia stipati là, senza nome e senza volto ma pronto a ricevere la storia che vuole raccontargli chi lo adotta.
Anime vaganti, pezzentelle perché prive di qualsiasi cosa, alla perenne ricerca di un po' di pace e sollievo.

"Anime Pezzentelle" è anche il titolo del primo libro di Elena Starace  [edito da Gilam Agency Books] ed è il racconto, a parer mio, di come si cerca sempre qualcosa, che sia l'amore, la pace o la fortuna.
Stefano Buonocore, con la sua voce prima di bambino, poi di ragazzo e infine di uomo, ci racconta una storia che potrebbe essere comune a molti napoletani nel periodo del Dopo Guerra, quando emigrare in America significava rincorrere un sogno di benessere o, quanto meno, di cambiamento rispetto alla situazione italiana. È così che Stefano e la sua famiglia partono per New York ma, oltre l'oceano, i sogni e le speranze di sfaldano a duro contatto con la realtà.
Anima pezzentella, Stefano vaga tra l'Italia e l'Europa in cerca di un'unità che sembra perduta per sempre. Ma è davvero così?

Elena Starace costruisce un romanzo che tocca tre generazioni di una famiglia comune, fatta di persone e sogni comuni, ma che trovano ragione nel grande disegno della vita, di cui non possiamo prevedere i prossimi tratteggi.
La scrittura semplice e appassionata risulta efficace al racconto di sentimenti grandi e piccoli, delineando personaggi che toccano il cuore del lettore.
Elena Starace - già attrice (conosciuta soprattutto per il ruolo di Noemi nella serie Gomorra), regista e sceneggiatrice - con questo libro esordisce nella narrativa ma si nota la familiarità con certi linguaggi, fatti di descrizioni di sguardi che richiamano l'emozione, di stacchi pieni di pathos e colpi di scena.

"Anime Pezzentelle" mi ha strappato più di un sorriso, tra la riflessione e la malinconia, perché tocca corde sensibili con cui faccio i conti ogni giorno. Perché sono napoletana, perché ho lasciato la mia terra, perché, in fondo, siamo tutti anime pezzentelle in cerca di qualcosa, fosse anche solo un pezzo di cielo pieno di stelle a cui affidare i nostri sogni.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…