Passa ai contenuti principali

Recensione: Anime Pezzentelle di Elena Starace


La storia e la cultura più profonda di Napoli e dei napoletani si fondano su episodi, abitudini e rituali spesso inspiegabili ma che sono fondanti dell'essere e del sentire di un'intera città.
Uno di questi riti è quello delle anime pezzentelle, cioè l'adozione di una capuzzella al cimitero delle Fontanelle, un teschio tra le migliaia stipati là, senza nome e senza volto ma pronto a ricevere la storia che vuole raccontargli chi lo adotta.
Anime vaganti, pezzentelle perché prive di qualsiasi cosa, alla perenne ricerca di un po' di pace e sollievo.

"Anime Pezzentelle" è anche il titolo del primo libro di Elena Starace  [edito da Gilam Agency Books] ed è il racconto, a parer mio, di come si cerca sempre qualcosa, che sia l'amore, la pace o la fortuna.
Stefano Buonocore, con la sua voce prima di bambino, poi di ragazzo e infine di uomo, ci racconta una storia che potrebbe essere comune a molti napoletani nel periodo del Dopo Guerra, quando emigrare in America significava rincorrere un sogno di benessere o, quanto meno, di cambiamento rispetto alla situazione italiana. È così che Stefano e la sua famiglia partono per New York ma, oltre l'oceano, i sogni e le speranze di sfaldano a duro contatto con la realtà.
Anima pezzentella, Stefano vaga tra l'Italia e l'Europa in cerca di un'unità che sembra perduta per sempre. Ma è davvero così?

Elena Starace costruisce un romanzo che tocca tre generazioni di una famiglia comune, fatta di persone e sogni comuni, ma che trovano ragione nel grande disegno della vita, di cui non possiamo prevedere i prossimi tratteggi.
La scrittura semplice e appassionata risulta efficace al racconto di sentimenti grandi e piccoli, delineando personaggi che toccano il cuore del lettore.
Elena Starace - già attrice (conosciuta soprattutto per il ruolo di Noemi nella serie Gomorra), regista e sceneggiatrice - con questo libro esordisce nella narrativa ma si nota la familiarità con certi linguaggi, fatti di descrizioni di sguardi che richiamano l'emozione, di stacchi pieni di pathos e colpi di scena.

"Anime Pezzentelle" mi ha strappato più di un sorriso, tra la riflessione e la malinconia, perché tocca corde sensibili con cui faccio i conti ogni giorno. Perché sono napoletana, perché ho lasciato la mia terra, perché, in fondo, siamo tutti anime pezzentelle in cerca di qualcosa, fosse anche solo un pezzo di cielo pieno di stelle a cui affidare i nostri sogni.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…