Passa ai contenuti principali

Recensione: Agnese, una Visconti di Adriana Assini


La Storia d'Italia è piena di personaggi ed episodi di cui conosciamo solo sommariamente le dinamiche e che varrebbe la pena approfondire per scoprirne la ricchezza.

Grazie al romanzo storico di Adriana Assini "Agnese, una Visconti" [Scrittura & Scritture] si ha l'opportunità di conoscere la vita di una delle famiglie più importanti della nostra penisola e, così, di appassionarsi alla Grande Storia che si compone anche di piccoli episodi.

Agnese è la figlia prediletta di Bernabò Visconti, signore di Milano alla fine del '300 - che con Beatrice Sforza ebbe ben quindici figli! - e sa che, in virtù e a causa di questa posizione, le saranno richiesti sacrifici e imposti doveri. Il primo fra tutti quello di sposare Francesco Gonzaga, figlio del signore di Mantova ed erede del casato. Agnese passerebbe la vita a leggere racconti e leggende, ad ascoltare storie accompagnata dal dolce suono di qualche strumento musicale, di certo non lascerebbe Milano che per lei è il centro del mondo.
Purtroppo Bernabò non la pensa alla stessa maniera: nonostante quell'uccellino pallido e, allo stesso tempo, coraggioso e sfrontato sia la luce dei suoi occhi, la ragione di stato vince su qualsiasi cosa e si rassegna a salutare sua figlia solo con la sicurezza che presto o tardi sarà la signora di quel fiorente ducato. A Mantova Agnese conosce l'amarezza e la solitudine e non si sentirà mai davvero a casa.

Se siete curiosi e non resistete, è facile trovare in giro per la rete gli spoiler su quale sia il finale della vicenda storica e, soprattutto, della vita di Agnese ma solo Adriana Assini può darvi valide delucidazioni sulle emozioni di questa donna forte e determinata, decisa a portare avanti le sue passioni nonostante le catene e i pregiudizi della società dell'epoca in cui è vissuta. Dalla lettura, emerge fortissimo anche il personaggio di Bernabò che, per quanto storicamente sia ritenuto un despota spesso spietato, qui risulta un uomo appassionato, innamorato della moglie ma fedifrago, calcolatore ma anche preoccupatissimo per le sorti della sua amata figlia.

Dopo aver letto anche "Giulia Tofana. Gli amori, i veleni" e "Un caffè con Robespierre", ormai mi è chiaro che Adriana Assini riesce ogni volta a coinvolgermi negli intrighi, nei dolori e nelle sensazioni di personaggi che dalle sue parole emergono come persone in carne e ossa. E non mi sono sorpresa se alla fine mi è venuto un brivido e una lacrima perché Adriana mette riparo all'ultimo sfregio arrecato ad Agnese e consegna il suo nome all'imperitura memoria del lettore.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…