Passa ai contenuti principali

Recensione: Georgiana di Deborah Begali


L'eroina di un romanzo storico dovrebbe essere una donna d'altri tempi.
L'eroe di un romanzo storico dovrebbe muoversi e agire come un uomo d'altri tempi.
L'amore in un romanzo storico dovrebbe essere un amore d'altri tempi, precisamente dei tempi in cui si muovono i protagonisti, altrimenti diventa tutto poco credibile.

Detto questo, se leggete "Georgiana" di Deborah Begali [Leggereditore] in un primo momento vi troverete immersi in qualcosa che non capite fino in fondo. Poi vi renderete conto che quel qualcosa è l'atmosfera, i comportamenti, il linguaggio e il modo di esprimere i sentimenti di un'altra epoca. Di un'epoca in cui le fanciulle tenevano più all'onore che alla vita, in cui la reputazione di una ragazza da marito doveva essere protetta anche dalla polvere che circolava per strada, un'epoca in cui un uomo non si sperticava in manifestazioni plateali di affetto, anche a rischio di implodere d'amore.

Georgiana Eagle è una fanciulla in età da marito come ce ne sono migliaia nell'Inghilterra dell'800. Se non fosse che suo padre si è tolto la vita lasciando lei, sua madre e sua sorella completamente sul lastrico, probabilmente non avrebbe alcun problema a combinare un matrimonio dignitoso e soddisfacente. Purtroppo il Ton non perdona e di Georgiana, oltre ai vestiti fuori moda, non vengono perdonati i modi schietti, al di là di qualsiasi educazione. A Lucas Benedict, Georgiana fa subito una pessima impressione, per questo decide da subito che, dovendosi sposare su imposizione della zia, non c'è nessuna come quella squattrinata e maleducata ragazza, a Londra, che farebbe più infuriare la nobildonna. Del resto, è ben lontano dal volerla sposare davvero.
Si innesca così una pericolosa serie di coincidenze ed equivoci, di fraintendimenti e sentimenti troppo nascosti e mascherati per non essere veri.

Del libro di Deborah Begali mi ha colpito subito la scrittura che, senza voler scomodare Jane Austen o le sorelle Brontë, riesce a riprodurre lo stile e il linguaggio di quell'epoca, con aggettivi e termini finemente cesellati per donare al lettore l'impressione di trovarsi davvero in un romanzo scritto a quei tempi.
Il carattere dei personaggi è appassionatamente delineato attraverso descrizioni di sguardi e silenzi, soprattutto i silenzi di Benedict che si riempiono di uno struggente non detto.
Spero vivamente che ci possa essere un seguito di "Georgiana" o, quanto meno, un altro libro che riprenda le vicende di altri personaggi presentati in questa storia.

Leggete "Georgiana" quando sentite la mancanza di atmosfere stile "Orgoglio e pregiudizio" e non vi pentirete di sospirare e tormentarvi per questo amore d'altri tempi.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…