Passa ai contenuti principali

Da mamma a figlia. Da donna a donna


Non esiste una formula per essere donna, non esistono modelli da seguire.

L'ho capito dopo aver a lungo cercato quel qualcosa che vedevo sui giornali, in tv, in certe donne che si autoproclamavano tali a gran voce. Quando ho smesso di cercare, ho trovato in me la traccia delle donne che mi amano, che mi hanno accarezzato dalla nascita fino ad ora, delle figure femminili che sono dee silenti e discrete capaci di piccoli e grandi miracoli. 
In quell'amore che tutto dà e tutto può mi sono ritrovata.

Non c'è bisogno di trucco e tacchi, non esistono artifici per la bellezza dell'anima

Tutte le fasi della vita hanno bisogno dei loro colori, poco importa che provengano dal paesaggio immenso davanti agli occhi o da una trousse di trucco all'ultima moda.
La routine di bellezza di creme e lozioni ha presto lasciato il posto alla cura dell'anima, con parole gentili, gesti che rendono immenso il cuore, emozioni che lasciano affiorare un sorriso anche in mezzo agli sconosciuti. Io che non ho mai dato importanza a quello che mi metto sulla faccia, ho imparato a guardare ai colori del mondo senza alcun trucco a schermare la mia anima. Ed è da lì che è venuta fuori la vera bellezza.

Non ci sono guerre o nemici, non si possono leggere i piani del destino

Non ho mai instaurato alleanze con altre donne, non ci sono mai riuscita. Ho creduto di avere amiche, alcune addirittura che lo fossero più delle altre, ma la lezione che non smetto mai di imparare è che le vere nemiche delle donne sono le altre donne quando sono forzate in qualche modo a stare insieme. Forzate dall'abitudine, dalla voglia di sottomettere anche solo idealmente qualcuno, dalla paura di rimanere sole. Diventano nemiche. Nemiche dove non c'è guerra, pedine in una battaglia che ci vede tutte nelle mani della vita, portatrici di vita e custodi del destino. 
Eppure sono stata testimone della vera forza delle donne quando sono vere, quando lasciano che la forza della natura passi attraverso di loro e si espanda prendendo il giusto posto. Ed è stato bellissimo. È stato guardare in faccia alla vita e farne parte. Per me, da allora, non esistono alleanze forzate, non esistono ipocrite amicizie: se c'è quella forza, quel legame, si vede subito, si sente. Se non c'è, è inutile cercarlo.

Non esiste il momento in cui sentirsi mamma

Non so di preciso quando mi sono sentita mamma per la prima volta. Forse è stato quando ho visto la vita dentro di me, ma forse è successo anche prima. Il mondo ha riconosciuto che sono mamma quando sei uscita dalla mia pancia e adesso quando siamo insieme. Ma non c'è un solo momento in cui smetto di esserlo, anche quando non riconoscono i tuoi occhi nei miei, io so che non smetterò mai di guardarti.

Non c'è un giorno per sentirsi donna

Non è il calendario a dire che sei quello che senti di essere nel profondo del tuo essere. Non sarà un fiore a farti sentire amata. L'amore sei tu, qualsiasi cosa tu sia.


[foto di Elena Ferrer su Unsplash]

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …