Passa ai contenuti principali

Anteprima: Fattaccio napoletano di Alessandra De Martino


Fattaccio napoletano
Alessandra De Martino
Astoria Edizioni
dal 10 maggio in libreria

Un noir d’esordio di grande impatto ambientato nella Napoli fascista.
Una lingua ricca di dialetto e di italiano “di ordinanza” dell’epoca.
Una trama che mescola tensione narrativa e affascinanti spaccati di vita.

Un brutto pasticcio nella Napoli d’epoca fascista.
Un condominio nei Quartieri Spagnoli viene scosso dalla morte inspiegabile di una vedova irreprensibile.

Le storie del vicinato si intrecciano agli sviluppi politici e sociali, dove ognuno a suo modo sceglie da che parte stare, ognuno aggiunge un tassello che dovrebbe alla fine portare alla soluzione dell’enigma, ma tutti i nodi vengono al pettine. Quando c’è il pettine... 
Niente e nessuno è come sembra e la verità, in fondo, cosa è se non una versione dei fatti?


Aprile 1934, Quartieri Spagnoli, Napoli.
Una mattina viene trovata morta Brigida, bellissima vedova dalla reputazione irreprensibile. Non solo morta, ma uccisa. Gli abitanti del palazzo in cui si è verificato il fattaccio si interrogano, raccontano, spiegano, mentono. Alla fine, nella migliore tradizione di “non tutto è come appare”, ciascuno si farà una propria idea sui fatti, che però sarà certamente diversa dalla verità ufficiale.
La ricerca stilistica, l’uso misurato e sapiente di dialetto e diversi registri linguistici donano al testo un’immediata vitalità.

Alessandra De Martino, nata a Napoli nel 1964, fa parte della sempre più folta schiera di italiani che hanno trovato rifugio all’estero o, da un punto di vista europeista, dei cittadini europei che traggono grande beneficio dal diritto alla libera circolazione. Lasciata l’Italia nel 1991 per studiare a Parigi, si è poi trasferita ad Amsterdam e dal 2003 vive a Bruxelles, dove lavora come traduttrice.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…