Passa ai contenuti principali

Anteprima: Fattaccio napoletano di Alessandra De Martino


Fattaccio napoletano
Alessandra De Martino
Astoria Edizioni
dal 10 maggio in libreria

Un noir d’esordio di grande impatto ambientato nella Napoli fascista.
Una lingua ricca di dialetto e di italiano “di ordinanza” dell’epoca.
Una trama che mescola tensione narrativa e affascinanti spaccati di vita.

Un brutto pasticcio nella Napoli d’epoca fascista.
Un condominio nei Quartieri Spagnoli viene scosso dalla morte inspiegabile di una vedova irreprensibile.

Le storie del vicinato si intrecciano agli sviluppi politici e sociali, dove ognuno a suo modo sceglie da che parte stare, ognuno aggiunge un tassello che dovrebbe alla fine portare alla soluzione dell’enigma, ma tutti i nodi vengono al pettine. Quando c’è il pettine... 
Niente e nessuno è come sembra e la verità, in fondo, cosa è se non una versione dei fatti?


Aprile 1934, Quartieri Spagnoli, Napoli.
Una mattina viene trovata morta Brigida, bellissima vedova dalla reputazione irreprensibile. Non solo morta, ma uccisa. Gli abitanti del palazzo in cui si è verificato il fattaccio si interrogano, raccontano, spiegano, mentono. Alla fine, nella migliore tradizione di “non tutto è come appare”, ciascuno si farà una propria idea sui fatti, che però sarà certamente diversa dalla verità ufficiale.
La ricerca stilistica, l’uso misurato e sapiente di dialetto e diversi registri linguistici donano al testo un’immediata vitalità.

Alessandra De Martino, nata a Napoli nel 1964, fa parte della sempre più folta schiera di italiani che hanno trovato rifugio all’estero o, da un punto di vista europeista, dei cittadini europei che traggono grande beneficio dal diritto alla libera circolazione. Lasciata l’Italia nel 1991 per studiare a Parigi, si è poi trasferita ad Amsterdam e dal 2003 vive a Bruxelles, dove lavora come traduttrice.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…