Passa ai contenuti principali

Segnalazione: A un passo dalla felicità di Daphne Merkin


A un passo dalla felicità. Una resa dei conti con la depressione
Daphne Merkin
Astoria Edizioni

La disperazione è sempre descritta come cupa, quando in verità possiede una luce tutta sua, un bagliore lunare, del colore dell’argento macchiato.


“Provate solo a immaginare di dire la verità sul vostro stato d’animo nel corso di un ritrovo sociale, quando tutti si aggirano con un bicchiere di vino in mano:
‘Come stai?’
‘Non bene. Parecchio depressa, in effetti. Mi alzo a stento dal letto. Non ho idea di quel che è successo ultimamente nel mondo, e non mi interessa neanche.’
Chi ha voglia di ascoltare una cosa del genere?”


Nel mondo soffrono di depressione 350 milioni di persone; nel 2017 è stato stimato che in Italia 4,5 milioni soffrono di depressione. “Eppure questa è una tristezza di cui nessuno sembra aver voglia di parlare in pubblico, neppure in questa nostra Era dell’Indiscrezione.”
Merkin mette in luce differenze assai interessanti: il modo in cui uomini e donne presentano la depressione, per esempio. E poi, dice sempre l’autrice, un conto è se di depressione soffre una figura eroica, come Winston Churchill che combatteva contro Hitler cercando al tempo stesso di convivere con i propri demoni, un altro è se tu sei uno dei milioni di anonimi sofferenti che cercano di vivere il meglio che possono mentre combattono gli stessi demoni.

“Da anni, ormai, cerco un resoconto di questa battaglia contro la depressione che sia simile alla mia, e non l’ho mai trovata. Sto scrivendo questo libro in parte per colmare questo vuoto, per descrivere dall’interno cosa significa soffrire di depressione clinica, in un modo che spero possa aiutare chi ne soffre e gli spettatori di questa sofferenza, amici o familiari che siano.”

“La mia speranza è di aumentare la mia possibilità di sopravvivenza se capisco bene cosa c’è in gioco: la mia vita come ho cominciato lentamente a costruirla io, non quella che è stata costruita dagli altri.”

Daphne Merkin ha scritto per il “New Yorker” e contribuisce regolarmente a “Elle”.
I suoi articoli appaiono di frequente sul “New York Times”, “Bookforum”, “W”, “Vogue”, “Tablet Magazine” e altre pubblicazioni. Ha insegnato scrittura creativa. I suoi libri precedenti includono Enchantment, che ha vinto l’Edward Lewis Wallant Award per il miglior romanzo di tema ebraico, e due raccolte di saggi: Dreaming of Hitler e The Fame Lunches, che è stato segnalato dal “New York Times” tra i Notable Books of the Year.
Vive a New York City.

A un passo dalla felicità è stato segnalato dalla “New York Times Book Review” come una delle Letture preferite e ha ricevuto commenti entusiasti dalle voci più eterogenee: psichiatri, psicoterapeuti, sceneggiatori, scrittori, stilisti, critici letterari e lettori comuni, a mostrare che il problema della depressione è diffusissimo e il modo lucido e straordinariamente onesto con cui lo affronta Daphne Merkin non può che interessare e commuovere.


Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…