Passa ai contenuti principali

Recensione: La musica perfetta di Kat French


Leggo molto romance, ultimamente. Mi piacciono le trame che, oltre alla storia d'amore, contengono anche spunti di riflessione un po' più seri.

Per questo ho apprezzato "La musica perfetta" di Kat French [HarperCollins] dove, l'attrazione tra Honeysuckle Jones e il suo misterioso e scorbutico vicino di casa Hal è condita da umorismo e malinconia, passando per il volontariato, la beneficenza e l'effimera notorietà.

Quando Honey scopre che l'appartamento di fronte al suo è abitato da un uomo che non esce mai, che quando si intravede in corridoio indossa occhiali da sole scuri a tutte le ore e odora di whisky, si convince di trovarsi davanti ad una rock star che si è rifugiato nell'anonimo condominio in cerca di pace dalle luci della ribalta. Quanto poi capisce che Hal quelle luci non può più vederle perché, in seguito a un incidente, ha perso la vista, la ragazza inizia a prendersi cura di lui con piccoli gesti e a contrastare il suo malumore con interminabili chiacchierate dietro la porta chiusa.

Kat French costruisce dei personaggi con una bella profondità psicologica, regalando al lettore ben più che semplici emozioni da storia d'amore a lieto fine. Attorno a Honey ci sono le sue amiche - esilaranti e, a parer mio, perfette per ulteriori romanzi - e un gruppo di arzilli e tenerissimi vecchietti che rischiano di rimanere senza casa. A dire il vero, mi sono piaciute molto più le scene in cui gli anziani amici di Honey raccontano le loro vite che non le scene più "calde" tra i due protagonisti.
Allo stesso modo, l'epilogo della vicenda in cui sono coinvolti gli inquilini sotto sfratto della casa di riposo, mi è sembrato più significativo dell'happy ending tra Honey e Hal.
Non che quest'ultimo particolare sia da sottovalutare, intendiamoci: fino all'ultimo ho creduto che stesse per sfumare tutto, ma, rispetto alla dettagliata descrizione delle altre scene, il finale mi è sembrato frettoloso.

Leggete "La musica perfetta" in un pomeriggio in cui avete voglia di una chiacchierata con amici che sanno farvi ridere al momento giusto, non importa che abbiamo il triplo della vostra età.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…