Passa ai contenuti principali

Recensione: La musica perfetta di Kat French


Leggo molto romance, ultimamente. Mi piacciono le trame che, oltre alla storia d'amore, contengono anche spunti di riflessione un po' più seri.

Per questo ho apprezzato "La musica perfetta" di Kat French [HarperCollins] dove, l'attrazione tra Honeysuckle Jones e il suo misterioso e scorbutico vicino di casa Hal è condita da umorismo e malinconia, passando per il volontariato, la beneficenza e l'effimera notorietà.

Quando Honey scopre che l'appartamento di fronte al suo è abitato da un uomo che non esce mai, che quando si intravede in corridoio indossa occhiali da sole scuri a tutte le ore e odora di whisky, si convince di trovarsi davanti ad una rock star che si è rifugiato nell'anonimo condominio in cerca di pace dalle luci della ribalta. Quanto poi capisce che Hal quelle luci non può più vederle perché, in seguito a un incidente, ha perso la vista, la ragazza inizia a prendersi cura di lui con piccoli gesti e a contrastare il suo malumore con interminabili chiacchierate dietro la porta chiusa.

Kat French costruisce dei personaggi con una bella profondità psicologica, regalando al lettore ben più che semplici emozioni da storia d'amore a lieto fine. Attorno a Honey ci sono le sue amiche - esilaranti e, a parer mio, perfette per ulteriori romanzi - e un gruppo di arzilli e tenerissimi vecchietti che rischiano di rimanere senza casa. A dire il vero, mi sono piaciute molto più le scene in cui gli anziani amici di Honey raccontano le loro vite che non le scene più "calde" tra i due protagonisti.
Allo stesso modo, l'epilogo della vicenda in cui sono coinvolti gli inquilini sotto sfratto della casa di riposo, mi è sembrato più significativo dell'happy ending tra Honey e Hal.
Non che quest'ultimo particolare sia da sottovalutare, intendiamoci: fino all'ultimo ho creduto che stesse per sfumare tutto, ma, rispetto alla dettagliata descrizione delle altre scene, il finale mi è sembrato frettoloso.

Leggete "La musica perfetta" in un pomeriggio in cui avete voglia di una chiacchierata con amici che sanno farvi ridere al momento giusto, non importa che abbiamo il triplo della vostra età.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…