Passa ai contenuti principali

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui


Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola.
Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale.
A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa.
Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema.
Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.

[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quelli che quando finisce una storia d'amore si buttano sul lavoro e quelli che invece si inventano qualcosa. Tu secondo me sei più il tipo che si inventa qualcosa.

E Franz si inventa qualcosa partendo da quello che gli piace, cioè cucinare. 
«Possibile che un buon futuro possa nascere da una bugia raccontata bene?» si chiede mentre la vita la travolge coinvolgendolo suo malgrado in quel turbinio di eventi che lo porta a trovare una nuova pelle. Ed è grazie a questa nuova attività che si imbatte in Camilla, che fraintende tutto o forse capisce anche quello che Franz non ha ancora avuto il coraggio di considerare.

"Tutto il tempo che vuoi" è un romanzo brillante, dove la prima persona ci fa sentire la voce del narratore con un'ironia vivida e mai banale, segno di fresca intelligenza.
Non mi ha disturbato trovare molte frasi da segnare, quelle che, quando succede, vuol dire che il pensiero dell'autore incontra felicemente quello del lettore.
Al personaggio di Franz ci si affeziona, è inutile girarci attorno, ed evidentemente non è solo una mia sensazione, visto che dopo questo libro Francesco Gungui ha parlato ancora del suo ghostchef negli ebook "La cena perfetta di Tutto il tempo che vuoi" e "Vita da editor".

Leggetelo se avete bisogno di una nuova prospettiva sulle cose, 
che possono rompersi e poi ricostruirsi in forme nuove 
senza intaccare la sostanza del nostro essere.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il pianto dell'alba di Maurizio de Giovanni

Considerate adesso un colpo di vento. Consideratelo nel momento della sua nascita, in una terra remota, ignaro della strada che dovrà percorrere, fatta di notte e di mare.
Un amore durato tredici anni può scomparire semplicemente scrivendo fine sull'ultima pagina? Che abbiate esperienza d'amore o no, la risposta non potrà essere positiva, perché il cuore non è una luce che si accende e si spegne senza lasciare strascichi più o meno evidenti del suo passaggio. Con mille scintille che ancora sprizzano di tanto in tanto, il mio cuore ha letto "Il pianto dell'alba" di Maurizio de Giovanni [Einaudi], ultimo capitolo della serie dedicata al commissario Ricciardi.
Dopo tredici anni e tredici libri, lo scrittore ha immaginato una conclusione per le vicende dell'amatissimo personaggio - amatissimo da me, dai suoi lettori e anche da lui, è evidente - del commissario già barone di Malomonte, Luigi Alfredo Ricciardi. Lo ritroviamo un anno dopo la conclusione de "Il p…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …