Passa ai contenuti principali

Recensione: Il romanzo degli istanti perfetti di Thomas Montasser


Farsi attrarre o respingere dalle copertine dei libri, non è mai un buon affare.
Eppure, nella mia vita di lettrice mi è capitato diverse volte di essere entrata in piccole isole felici proprio passando da un dettaglio che mi attraeva della copertina.
Posso dire che mi è capitata la stessa cosa anche questa volta con "Il romanzo degli istanti perfetti" di Thomas Montasser [DeA Planeta].
C'è da dire che una trama - e un titolo - che parla di libri, è un elemento che già risveglia la mia curiosità, ma stavolta la combinazione è stata propiziatoria.

Marietta Piccini si è trasferita dall'Italia a Londra per lavorare come redattrice presso la casa editrice "Millefeuille", piccola e raffinata realtà editoriale che si vanta di scoprire "alta letteratura"

[...]Nulla ci autorizza a escludere che alcuni manoscritti ignorati o respinti siano migliori di quelli trasformati in libri. Non sta scritto da nessuna parte che quell'un per mille di opere pubblicate debba per forza coincidere con il vertice della letteratura.

Marietta legge i manoscritti, si lascia affascinare dalle storie e dagli autori. Un giorno, in seguito ad un piccolo incidente fuori alla biblioteca, trova tra i manoscritti che ha in borsa una cartella di fogli mai vista che contiene un romanzo incompiuto. Marietta si lascia catturare talmente dal protagonista della storia, Paul Trevor Swift, che diventa parte della sua vita. In realtà, vita e finzione si mescolano a tal punto che, da lettore, mi sono trovata a chiedermi quale fosse il confine tra i diversi racconti.

Alla fine, però, il fascino di questo libro credo che risieda proprio nel non avere ben delineati i limiti delle due storie. Del resto, quando un lettore ama un libro, porta la storia e i protagonisti nella sua vita, come se fossero compagni di viaggio e di illusione.

[...]I grandi personaggi della letteratura (o delle arti in generale) rimangono accanto a noi per tutta la nostra esistenza.

Sono riuscita a trovare poche informazioni sull'autore, ma il suo primo libro per "adulti", dopo una serie di pubblicazioni per bambini, è stato "La libreria di zia Charlotte" [Neri Pozza] e questo mi fa immaginare che i libri siano davvero una sua passione, oltre che il suo lavoro. La scrittura delicata e pregnante di emozioni, del resto, fanno intravedere un animo sensibile alle storie che vogliono essere raccontate a tutti i costi.

Leggete "Il romanzo degli istanti perfetti" se avete voglia di immergervi in una dolcezza rarefatta, ma innegabile, se avete voglia di essere coccolati dalle felici coincidenze della vita e, perché no, da quegli istanti perfetti che capitano a quelli che non li hanno cercati.

Quelli che non cercano la felicità sono quelli che la trovano.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…