Passa ai contenuti principali

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza


Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro.
C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente", quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende...
C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono.
Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.

Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro.
Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attratta da nuove storie che richiamavano la mia attenzione.

Da quando ho un blog, ma anche prima quando facevo la giornalista, le case editrici mi propongono dei testi. Alcuni sono davvero studiati sui miei gusti, altri meno. Molte volte gli uffici stampa fanno il loro lavoro - come è giusto che sia - e propongono il titolo del momento. Un momento che, a volte capita, non è l'ideale per me per leggere.

Avendo meno tempo, adesso mi trovo nella condizione di non poter leggere tutto, ma anzi, di volermi soffermare su qualcosa di veramente bello, che mi dia un’emozione anche giorni dopo aver chiuso l’ultima pagina. E non importa se è un libro appena pubblicato o dell'anno prima: l'importante è che sia capace di trasmettere bellezza. Bellezza della scrittura e della lettura.

Non ho fatto un piano di letture a cui dedicarmi durante l’anno, ovviamente, anche perché spero che saranno pubblicati altri libri belli nei prossimi mesi. 
Ma qualcosa adesso la so: voglio la bellezza.




[foto: Unsplash.com]

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…