Passa ai contenuti principali

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza


Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro.
C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente", quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende...
C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono.
Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.

Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro.
Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attratta da nuove storie che richiamavano la mia attenzione.

Da quando ho un blog, ma anche prima quando facevo la giornalista, le case editrici mi propongono dei testi. Alcuni sono davvero studiati sui miei gusti, altri meno. Molte volte gli uffici stampa fanno il loro lavoro - come è giusto che sia - e propongono il titolo del momento. Un momento che, a volte capita, non è l'ideale per me per leggere.

Avendo meno tempo, adesso mi trovo nella condizione di non poter leggere tutto, ma anzi, di volermi soffermare su qualcosa di veramente bello, che mi dia un’emozione anche giorni dopo aver chiuso l’ultima pagina. E non importa se è un libro appena pubblicato o dell'anno prima: l'importante è che sia capace di trasmettere bellezza. Bellezza della scrittura e della lettura.

Non ho fatto un piano di letture a cui dedicarmi durante l’anno, ovviamente, anche perché spero che saranno pubblicati altri libri belli nei prossimi mesi. 
Ma qualcosa adesso la so: voglio la bellezza.




[foto: Unsplash.com]

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…