Passa ai contenuti principali

Le coccole di dicembre

[Foto: Unsplash.com]

L'odore della frittata di maccheroni.
La felpa calda e morbida.
Un momento di pura pigrizia.
Un abbraccio.
Un bacio dolce.
Un sorriso spontaneo.
Una coperta grande.
La penombra di una stanza.
L'attesa del tramonto.
Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita.
Una tazza di tisana profumata.
La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare.
La promessa del tempo.
Il giuramento dell'amore.
La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate.
La scintilla di speranza per le cose che arriveranno.
Un libro che intesse storie di parole e suoni.
La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.

Quella carezza che è mancata tanto.
Quelle mura che sono sempre come le ricordavo.
Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha.
Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza.
L'odore della pelle di mia figlia.
Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito.
I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li rimando a memoria, qualche storia anche.
Ritrovare quei ricordi d'infanzia e condividerli con mio fratello e mia sorella.
E gli abbracci...

Da qualche anno, l'odore della neve prima che cada e poi anche dopo.
La legna che arde nei camini.
La ricerca di quel calore che a volte è fuori e altre volte è dentro.
Il biancore dell'alba senza sole, che per timidezza diventa di un pallido rosa.
Il profilo netto delle montagne, di un blu violetto intagliato nel cielo.

Andate e ritorni di gioia e tristezza.
Le coccole di dicembre sono altalene di felicità.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…