Passa ai contenuti principali

Le coccole di dicembre

[Foto: Unsplash.com]

L'odore della frittata di maccheroni.
La felpa calda e morbida.
Un momento di pura pigrizia.
Un abbraccio.
Un bacio dolce.
Un sorriso spontaneo.
Una coperta grande.
La penombra di una stanza.
L'attesa del tramonto.
Un pezzo di cioccolato fondente con scaglie di arancia candita.
Una tazza di tisana profumata.
La voglia di lasciare che le cose vadano come devono andare.
La promessa del tempo.
Il giuramento dell'amore.
La malinconia lenta pensando alle cose che sono passate.
La scintilla di speranza per le cose che arriveranno.
Un libro che intesse storie di parole e suoni.
La quiete tristezza di una solitudine risolta e felicemente accettata.

Quella carezza che è mancata tanto.
Quelle mura che sono sempre come le ricordavo.
Rientrare in quel profumo che solo casa tua ha.
Le luci di Natale sull'albero nel buio della stanza.
L'odore della pelle di mia figlia.
Il suono familiare delle chiavi quando rientra mio marito.
I dorsi dei libri sugli scaffali, i titoli li rimando a memoria, qualche storia anche.
Ritrovare quei ricordi d'infanzia e condividerli con mio fratello e mia sorella.
E gli abbracci...

Da qualche anno, l'odore della neve prima che cada e poi anche dopo.
La legna che arde nei camini.
La ricerca di quel calore che a volte è fuori e altre volte è dentro.
Il biancore dell'alba senza sole, che per timidezza diventa di un pallido rosa.
Il profilo netto delle montagne, di un blu violetto intagliato nel cielo.

Andate e ritorni di gioia e tristezza.
Le coccole di dicembre sono altalene di felicità.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…