Passa ai contenuti principali

Recensione: Dodici ricordi e un segreto di Enrica Tesio


Le storie belle, quelle che le leggi e ti si espandono dentro pian piano, hanno bisogno di tempo ma soprattutto di spazio per entrare nella testa e, più ancora, nel cuore è lì assieparsi tranquillamente.
"Dodici ricordi e un segreto" di Enrica Tesio [Bompiani] contiene una grande storia composta, come dice il titolo da dodici ricordi e un segreto, ma le sfumature di vissuto e sentito che avvolgono il lettore sono ben più numerose.

Aura ha vent'anni, sua madre l'ha partorita il giorno del suo diciottesimo compleanno e il nonno Attilio si è preso cura di lei dal primo sguardo. Aura ha gli occhi pazzi, scientificamente si chiama nistagmo, lei ha sempre visto il disagio negli occhi di chi fissavano quell'incessante movimento dei suoi occhi e si è convinta che, al di là della scienza, il suo difetto fosse solo un altro sintomo del suo essere in qualche modo sbagliata. Del resto, se non fosse sbagliata, perché sua madre non riesce ad amarla e basta? Semplicemente? 
Isabella, invece, pur amando quella sua figlia arrivata per caso, ama di più la ricerca dell'amore.
Attilio, il maestro, dal canto suo, si impegna ad essere un nonno migliore di quanto sia stato padre e, a giudicare dalla felicità che prova Aura quando sta con lui, ci riesce. Ci riesce almeno fin quando non si presenta nella sua vita Emme, la malattia che corrode i ricordi, le parole e i volti di chi ama. Ma Attilio ama troppo Aura per lasciarsi vedere mentre perde sempre più pezzi di sé, così le fa promettere di allontanarsi mentre lui si rifugia lontano e di non cercarlo. Aura diventa la custode dei ricordi di Attilio e di tutta la sua famiglia, tanto che pian piano anche un segreto, il più segreto di tutti, le si presenta con naturalezza ed esplode cambiando tutto a tal punto che, da fuori, non cambia niente.

"Dodici ricordi e un segreto" è un libro che mi ha sedotto pian piano, quasi senza che me ne accorgessi, avvolgendomi col calore dei suoi personaggi e con le storie ritrovate da Aura, fino a formare un puzzle completo e sorprendente nel suo farsi insieme frammentato eppure unitario. 
La scrittura di Enrica Tesio mi è familiare, sono anni che ne leggo il blog - Prima o poi l'amore arriva. E ti incula - e la sua capacità di coinvolgere il lettore, che nei post ha durata limitata, qua si dispiega liberamente.
È un piacere lasciarsi coinvolgere dalla storia, dai personaggi, dalla semplice cesellatura della sua scrittura e, in questi tempi di letteratura fast write e fast read, parlare di parole che si incastrano in un ritmo perfetto per suoni e immagini che richiamano, è un pregio che rende prezioso questo libro e lo candida a future riletture.

«Se non sai dove andare a pescarlo, un segreto può restare lì per sempre. 
E poi, come l’ago nel pagliaio, dopo tanto cercare un giorno lo trovi per caso, 
pungendoti il dito».

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…