Passa ai contenuti principali

Segnalazione: Diario erotico di un cybernauta di Tommaso Agnese


Diario erotico di un cybernauta
Tommaso Agnese
L'Erudita
dal 12 ottobre in libreria


Curiosità, perdizione, assuefazione. Inizialmente un gioco dettato dalla noia, poi una necessità, un’ansia conoscitiva mai paga e, infine, l’istinto di andare oltre i propri limiti per scoprire tutti i modi possibili di rapportarsi con la sessualità.
Da MSN a Skype, da Facebook a Tinder, dai massaggi erotici al voyeurismo, dalla prostituzione virtuale e non, al bondage.
Riccardo, protagonista di Diario erotico di un cybernauta di Tommaso Agnese (L’Erudita), sin dalle prime pagine diventa un instancabile viaggiatore: attraverso lo spazio multiforme, liquido di una tecnologia in continuo divenire, navigando su internet e fuori dal virtuale raggiungerà, inaspettatamente, una crescita personale.
Tommaso Agnese snoda la narrazione in una metropoli dalle mille sfaccettature, una città nella quale si riflettono le molteplici donne che il protagonista incontra. Con un linguaggio autentico e mai volgare, Tommaso Agnese racconta, anno dopo anno, la quotidianità di un uomo che rifugge ogni tipo di legame per non mostrare le proprie fragilità, consegnando al lettore un finale che sovvertirà tutte le aspettative.

Tommaso Agnese nasce a Roma il 3 aprile 1983. Laureato in Storia e scienze della musica e dello spettacolo, inizia la carriera di regista televisivo con La vita contro e Così è la vita. Sua la scrittura del film 2047 Sight of Death e la regia del film prodotto da Rai Cinema Mi chiamo Maya. Per il teatro
realizza diversi spettacoli tra cui SDC soldi denaro contanti e Il professionista. Lavora come creative
producer per Elephant Italia e Velafilm ed è il manager del magazine «Fabrique du cinema».

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…