Passa ai contenuti principali

Recensione: C'era una volta a New York di Cecile Bertod


Quando mi viene voglia di leggere un romance storico, cerco sempre di accontentare l'esigenza di avere sotto gli occhi una bella storia, scritta bene, con il giusto romanticismo ma che non mi faccia mancare una dose di ironia e brio tale da sentire i personaggi, lontani nel tempo storico, più vicini a me.

Ormai so dove dirigermi quando ho bisogno di trovare tutte queste caratteristiche e, nel caso, rileggo con piacere i libri che già ho. Da qualche tempo, però, attendevo una novità che si è rivelata molto piacevole e perfettamente in linea con quello che mi aspettavo: un romanzo storico firmato da Cecile Bertod.

L'autrice - che ho scoperto in self publishing e non ho più smesso di leggere - è maestra di fine ironia nei romance contemporanei e, a quanto pare, non lesina l'ingegno nemmeno negli storici.
"C'era una volta a New York" [Newton Compton Editori] è il primo romanzo dell'autrice, quello tenuto nel cassetto finora e che ha dato vita al nom de plume che poi ha adottato per firmare i suoi lavori successivi. Sì, perché la contessa Sophie Riou, in origine era proprio Cecile Bertod, ma per uno scambio tra la vita e la carta, ora ognuna sembra aver conquistato il suo posto.

Veniamo alla trama. La contessa Sophie Riou farebbe di tutto per conquistare un marito che la sollevi dalla penosa condizione di zitella. È per questo che va dal noioso e codardo ambasciatore Besson per annunciargli che finalmente ha deciso di accettare la sua proposta.

Sì, perché Mademoiselle Riou aveva molti difetti, 
ma tra questi non rientrava il sentimentalismo.

Mentre è nel salotto dell'ambasciatore, però, intenta a non cadere morta di noia dalla poltrona, irrompe un uomo in divisa che, qualificandosi come un suo amante, la accusa di aver abbandonato loro figlio chissà dove e pretende che lo porti immediatamente dal bambino.
Sophie viene così sottratta con la forza, senza che nessuno si opponga in qualche modo, e trascinata in una rocambolesca avventura che approderà sul Coraline, il transatlantico in partenza da Marsiglia in direzione New York. Ma chi è l'uomo che l'ha rapita? E, soprattutto, perché?
Xavier Lesage è "l'uomo intelligente più stupido" in circolazione ed è proprio a causa di questa stupidità che si caccia in situazioni impossibili, da cui non riesce ad uscire se non commettendo qualche reato. Contro la sua volontà, si capisce, ma sempre reati sono.

Poteva esserci dignità e decoro in molte ambigue posizioni, 
ma non in quella di zitella.

Un'accoppiata improbabile tra una contessa in cerca di marito e un mascalzone buono di cuore viene resa non solo possibile, ma addirittura auspicabile grazie alla scrittura frizzante di Cecile Bertod.
Una scrittura fluida e piacevole che salva la trama anche nei punti in cui sembra un po' girare su se stessa e rende godibile anche il personaggio femminile, forse descritto un po' superficialmente, tanto che non sono riuscita ad affezionarmici. Cosa, invece, che mi è stata facilissima con il personaggio di Xavier, multisfaccettato, arguto, caratterizzato a tutto tondo.

"C'era una volta a New York" è un romance storico con qualche pecca, bisogna riconoscerlo - in quale epoca è ambientato esattamente? - ma non tali da annullare la piacevolissima ironia della scrittura di questa autrice. Da leggere e rileggere.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…