Passa ai contenuti principali

Recensione: Amore, zucchero e caffè di Daniela Sacerdoti


Non mi capitava da tempo di lasciarmi sedurre da una copertina, ma con questo libro è successo.
Di "Amore, zucchero e caffè" di Daniela Sacerdoti [Newton Compton Editori] sono state quelle due tazze bianche e rosse su sfondo azzurro ad attirare la mia attenzione. Ed è stata un'intuizione felice, a ben guardare, perché la storia è davvero molto bella.

Margherita ha origini italiane ma vive a Londra col marito Ash e hanno adottato una splendida bambina, Lara, con una storia dolorosa alle spalle. Da sempre, il desiderio più grande di Margherita è avere un figlio e, nonostante provi per la piccola Lara un amore incondizionato, non perde la speranza di poterlo avere, un giorno. Quando quell'evento si realizza, Margherita si scontra inaspettatamente con l'indifferenza di Ash: indifferenza verso quello che lei considera un miracolo, verso di lei, ma soprattutto indifferenza verso la vita che cresce giorno dopo giorno. Nemmeno la nascita di Leo riesce a smuoverlo da quella lontananza che sembra porre chilometri e chilometri di gelo tra lui e la sua famiglia.

Il punto di rottura arriva e Margherita pensa di rifugiarsi dalla madre che vive in Scozia, nel piccolo villaggio di Glen Avich insieme al nuovo compagno, Michael, con cui gestisce un bar pasticceria molto apprezzato dalla popolazione. È nelle nebbie di Glen Avich che Margherita, Lara e Leo impareranno a vedere una nuova luce, è nella fredda e umida estate scozzese che troveranno il calore dell'affetto sincero e dell'amore più puro. Del resto, un villaggio con un castello deve pur avere qualcosa di "magico", no? E infatti il lord Torcuil, ultimo abitante di Ramsay Hall, da sempre convive con un segreto che riesce a far fuggire anche i più forti di cuore...
Ma, in fondo, è il cuore di Torcuil a non essere tanto forte di fronte agli occhi scuri di Margherita e alla tenerezza per i suoi figli.

Perché l'amore non arriva solo a certe condizioni. 
Dire "Ti amerò soltanto se non mi lascerai" significa per prima cosa che non è amore.
Si può solo amare comunque, qualunque cosa accada.
Amare significa dimenticare ogni paura.
È un salto nel buio.

"Amore, zucchero e caffè", dietro l'apparenza dell'ennesimo romanzo che impasta zucchero e baci, cupcake e romanticismo - si viene tratti in inganno dalla traduzione del titolo che in originale è "Set me free" e ha tutto un altro senso, soprattutto perché trova corrispondenza nella storia -, rivela in realtà una storia forte, intensa e dolce al tempo stesso.
Daniela Sacerdoti è la pronipote di Carlo Levi - niente meno che l'autore di "Cristo si è fermato a Eboli" -, nata e cresciuta in Italia e poi trasferitasi a vivere in Scozia. Da noi, oltre ad "Amore, zucchero e caffè", sono arrivati anche "Ho bisogno di te" - suo esordio letterario - e "Se stiamo insieme ci sarà un perché", tutti ambientati tra le magiche nebbie di Glen Avich.

Non so se leggerò anche gli altri libri della serie scozzese, ma questo capitolo l'ho letto e riletto e ogni volta mi sono emozionata.
Consigliato a chi, oltre le apparenze di un titolo mainstream e di una copertina inflazionata, vuole una storia intensa e magica.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…