Passa ai contenuti principali

Recensione: Amore, zucchero e caffè di Daniela Sacerdoti


Non mi capitava da tempo di lasciarmi sedurre da una copertina, ma con questo libro è successo.
Di "Amore, zucchero e caffè" di Daniela Sacerdoti [Newton Compton Editori] sono state quelle due tazze bianche e rosse su sfondo azzurro ad attirare la mia attenzione. Ed è stata un'intuizione felice, a ben guardare, perché la storia è davvero molto bella.

Margherita ha origini italiane ma vive a Londra col marito Ash e hanno adottato una splendida bambina, Lara, con una storia dolorosa alle spalle. Da sempre, il desiderio più grande di Margherita è avere un figlio e, nonostante provi per la piccola Lara un amore incondizionato, non perde la speranza di poterlo avere, un giorno. Quando quell'evento si realizza, Margherita si scontra inaspettatamente con l'indifferenza di Ash: indifferenza verso quello che lei considera un miracolo, verso di lei, ma soprattutto indifferenza verso la vita che cresce giorno dopo giorno. Nemmeno la nascita di Leo riesce a smuoverlo da quella lontananza che sembra porre chilometri e chilometri di gelo tra lui e la sua famiglia.

Il punto di rottura arriva e Margherita pensa di rifugiarsi dalla madre che vive in Scozia, nel piccolo villaggio di Glen Avich insieme al nuovo compagno, Michael, con cui gestisce un bar pasticceria molto apprezzato dalla popolazione. È nelle nebbie di Glen Avich che Margherita, Lara e Leo impareranno a vedere una nuova luce, è nella fredda e umida estate scozzese che troveranno il calore dell'affetto sincero e dell'amore più puro. Del resto, un villaggio con un castello deve pur avere qualcosa di "magico", no? E infatti il lord Torcuil, ultimo abitante di Ramsay Hall, da sempre convive con un segreto che riesce a far fuggire anche i più forti di cuore...
Ma, in fondo, è il cuore di Torcuil a non essere tanto forte di fronte agli occhi scuri di Margherita e alla tenerezza per i suoi figli.

Perché l'amore non arriva solo a certe condizioni. 
Dire "Ti amerò soltanto se non mi lascerai" significa per prima cosa che non è amore.
Si può solo amare comunque, qualunque cosa accada.
Amare significa dimenticare ogni paura.
È un salto nel buio.

"Amore, zucchero e caffè", dietro l'apparenza dell'ennesimo romanzo che impasta zucchero e baci, cupcake e romanticismo - si viene tratti in inganno dalla traduzione del titolo che in originale è "Set me free" e ha tutto un altro senso, soprattutto perché trova corrispondenza nella storia -, rivela in realtà una storia forte, intensa e dolce al tempo stesso.
Daniela Sacerdoti è la pronipote di Carlo Levi - niente meno che l'autore di "Cristo si è fermato a Eboli" -, nata e cresciuta in Italia e poi trasferitasi a vivere in Scozia. Da noi, oltre ad "Amore, zucchero e caffè", sono arrivati anche "Ho bisogno di te" - suo esordio letterario - e "Se stiamo insieme ci sarà un perché", tutti ambientati tra le magiche nebbie di Glen Avich.

Non so se leggerò anche gli altri libri della serie scozzese, ma questo capitolo l'ho letto e riletto e ogni volta mi sono emozionata.
Consigliato a chi, oltre le apparenze di un titolo mainstream e di una copertina inflazionata, vuole una storia intensa e magica.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…