Passa ai contenuti principali

Mi sono cambiati i piedi


Dopo la gravidanza il corpo cambia. E cambia anche la mente, soprattutto quella.

Mi è cambiata la pancia, per forza.
Mi è cambiata la faccia. Non so se è l'espressione, o forse sono gli occhi, ma non è più la stessa.
Mi sono cambiate le braccia. Nonostante i crampi, riesco sempre a tenere una mezz'ora in più, che poi diventa un'ora e anche due, questo fagottino che cresce a vista d'occhio.

Mi sono cambiati i piedi.

Tutti parlano della pancia, del seno, ma nessuna ha mai detto che cambiano i piedi, o forse non cambiano a tutte.

Durante gli ultimi periodi della gravidanza non li riconoscevo più, probabilmente perché non li vedevo così spesso come è normale che sia. Così, quando riuscivo a posare gli occhi su quelle due estremità che faticavano a portarmi in giro, li trovavo gonfi, rossi, entità aliene che non sentivo mie.

Poi di colpo sono ritornati piedi normali, sgonfi, con delle dita che non somigliano a piccoli salamini, ma sono diversi.

E forse non potrebbe essere altrimenti.
Sono piedi che hanno portato due persone, che hanno camminato verso mete fino ad allora inimmaginabili. Sono piedi che si sono visti svuotare del peso che avevano imparato a conoscere e hanno dovuto riabituarsi a sostenere una persona che non fa più i passi di una volta.

Mi sono cambiati i piedi perché io non cammino più come prima.

I passi sono diventati sussurri per preservare il sonno della mia bambina. Sono diventati leggeri e danzanti quando balliamo valzer infiniti per casa. Sono immediatamente pronti a farsi veloci quando avvertono il pericolo. 
Sono piedi che hanno imparato la pesantezza della volontà di imporsi e diventare autorevoli. 
Sono piedi che hanno impresso la loro orma sulle scelte da fare e le hanno imposte ai passi che non sentivano propri.

Mi sono cambiati i piedi perché non camminerò più come prima.

Rallenterò quando ci sarà bisogno di insegnare a nuovi piccoli passi una nuova via.
Rincorrerò farfalle e unicorni quando ci saranno fantasie e sogni da accompagnare.
Ballerò svolazzanti piroette insieme a chi fa piroettare il mio cuore mille volte e più al giorno solo con un sorriso.

Mi sono cambiati i piedi perché non camminerò mai più per me sola.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Lezioni di disegno di Roberta Marasco

L'amore è femminista? Se non vi siete mai posti questa domanda, pensateci. Dove inizia il femminismo e dove finisce l'amore di una donna per un uomo? In realtà non c'è alcun confine.
Nel suo nuovo romanzo "Lezioni di disegno" [Fabbri Editori], in libreria da domani, Roberta Marasco riesce a darci un indizio sulla vastità della presunta dicotomia tra amore assoluto e femminismo, tra convenzioni sociali e ribellione, tra famiglia e passione.
Julia torna a Barcellona dopo la morte della madre e dopo aver lasciato dietro di sé le macerie di un amore finito - l'ennesimo - e di un lavoro senza ispirazione. A Barcellona trova ad attenderla, immutata nel tempo e nei ricordi, la casa di famiglia: quando Julia vi entra, dopo tanto tempo, ne sente ancora l'anima, quel respiro immenso che si posa sugli oggetti e li accarezza, rendendoli quasi vivi come lei li ricordava quando la casa era piena della loro famiglia. Per sua sorella Anna, invece, la casa è solo una pra…