Passa ai contenuti principali

Mi sono cambiati i piedi


Dopo la gravidanza il corpo cambia. E cambia anche la mente, soprattutto quella.

Mi è cambiata la pancia, per forza.
Mi è cambiata la faccia. Non so se è l'espressione, o forse sono gli occhi, ma non è più la stessa.
Mi sono cambiate le braccia. Nonostante i crampi, riesco sempre a tenere una mezz'ora in più, che poi diventa un'ora e anche due, questo fagottino che cresce a vista d'occhio.

Mi sono cambiati i piedi.

Tutti parlano della pancia, del seno, ma nessuna ha mai detto che cambiano i piedi, o forse non cambiano a tutte.

Durante gli ultimi periodi della gravidanza non li riconoscevo più, probabilmente perché non li vedevo così spesso come è normale che sia. Così, quando riuscivo a posare gli occhi su quelle due estremità che faticavano a portarmi in giro, li trovavo gonfi, rossi, entità aliene che non sentivo mie.

Poi di colpo sono ritornati piedi normali, sgonfi, con delle dita che non somigliano a piccoli salamini, ma sono diversi.

E forse non potrebbe essere altrimenti.
Sono piedi che hanno portato due persone, che hanno camminato verso mete fino ad allora inimmaginabili. Sono piedi che si sono visti svuotare del peso che avevano imparato a conoscere e hanno dovuto riabituarsi a sostenere una persona che non fa più i passi di una volta.

Mi sono cambiati i piedi perché io non cammino più come prima.

I passi sono diventati sussurri per preservare il sonno della mia bambina. Sono diventati leggeri e danzanti quando balliamo valzer infiniti per casa. Sono immediatamente pronti a farsi veloci quando avvertono il pericolo. 
Sono piedi che hanno imparato la pesantezza della volontà di imporsi e diventare autorevoli. 
Sono piedi che hanno impresso la loro orma sulle scelte da fare e le hanno imposte ai passi che non sentivano propri.

Mi sono cambiati i piedi perché non camminerò più come prima.

Rallenterò quando ci sarà bisogno di insegnare a nuovi piccoli passi una nuova via.
Rincorrerò farfalle e unicorni quando ci saranno fantasie e sogni da accompagnare.
Ballerò svolazzanti piroette insieme a chi fa piroettare il mio cuore mille volte e più al giorno solo con un sorriso.

Mi sono cambiati i piedi perché non camminerò mai più per me sola.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…