Passa ai contenuti principali

Mi sono cambiati i piedi


Dopo la gravidanza il corpo cambia. E cambia anche la mente, soprattutto quella.

Mi è cambiata la pancia, per forza.
Mi è cambiata la faccia. Non so se è l'espressione, o forse sono gli occhi, ma non è più la stessa.
Mi sono cambiate le braccia. Nonostante i crampi, riesco sempre a tenere una mezz'ora in più, che poi diventa un'ora e anche due, questo fagottino che cresce a vista d'occhio.

Mi sono cambiati i piedi.

Tutti parlano della pancia, del seno, ma nessuna ha mai detto che cambiano i piedi, o forse non cambiano a tutte.

Durante gli ultimi periodi della gravidanza non li riconoscevo più, probabilmente perché non li vedevo così spesso come è normale che sia. Così, quando riuscivo a posare gli occhi su quelle due estremità che faticavano a portarmi in giro, li trovavo gonfi, rossi, entità aliene che non sentivo mie.

Poi di colpo sono ritornati piedi normali, sgonfi, con delle dita che non somigliano a piccoli salamini, ma sono diversi.

E forse non potrebbe essere altrimenti.
Sono piedi che hanno portato due persone, che hanno camminato verso mete fino ad allora inimmaginabili. Sono piedi che si sono visti svuotare del peso che avevano imparato a conoscere e hanno dovuto riabituarsi a sostenere una persona che non fa più i passi di una volta.

Mi sono cambiati i piedi perché io non cammino più come prima.

I passi sono diventati sussurri per preservare il sonno della mia bambina. Sono diventati leggeri e danzanti quando balliamo valzer infiniti per casa. Sono immediatamente pronti a farsi veloci quando avvertono il pericolo. 
Sono piedi che hanno imparato la pesantezza della volontà di imporsi e diventare autorevoli. 
Sono piedi che hanno impresso la loro orma sulle scelte da fare e le hanno imposte ai passi che non sentivano propri.

Mi sono cambiati i piedi perché non camminerò più come prima.

Rallenterò quando ci sarà bisogno di insegnare a nuovi piccoli passi una nuova via.
Rincorrerò farfalle e unicorni quando ci saranno fantasie e sogni da accompagnare.
Ballerò svolazzanti piroette insieme a chi fa piroettare il mio cuore mille volte e più al giorno solo con un sorriso.

Mi sono cambiati i piedi perché non camminerò mai più per me sola.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …