Passa ai contenuti principali

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips


Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo.
A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.

Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance.
In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.

"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].

Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama.
Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali del set, tutti. A otto anni dalla brusca chiusura della serie, ancora tutti la amano e fanno il tifo per lei, soprattutto ora che il marito l'ha tradita e lasciata praticamente sulle pagine di tutti i tabloid nazionali.

Bramwell Shepard era il coprotagonista della serie, bello e preciso sullo schermo tanto quanto era sregolato e ribelle nella vita. È colpa sua se la serie è stata chiusa e tutti lo odiano. Tutti, compresa Georgie, ma i motivi vanno ben oltre quelli lavorativi. Georgie e Bram funzionavano sullo schermo ma nella vita non si sono mai dati una possibilità. Ora le cose, malgrado il loro odio, sono cambiate.

«Fa' almeno finta di essere una persona decente».
«Non sono un attore così bravo».

Rocambolesche e originalissime trovate portano i protagonisti di questa storia a intrecciare le loro vite tra loro e con quelle di altri personaggi a cui è difficile non affezionarsi.
Come capita spesso nei libri della SEP, le trame si sfiorano tra loro con i personaggi di una storia che si affacciano in un'altra per mostrarci ulteriori sfumature del loro carattere. Qui troviamo April Robillard e Jack Patriot di "Seduttore dalla nascita" e Fleur, Jake e Meg Koranda di "Glitter Baby" [Meg è protagonista anche di "Una scelta impossibile"].
Adoro anche questo aspetto delle storie della Phillips e spesso mi è servito per leggere i libri che mancavano all'appello.

"Cosa ho fatto per amore" ruota attorno a grandi sentimenti, mai banali, con dialoghi perfettamente misurati. 
Susan Elizabeth Phillips non delude mai.
L'unica cosa che potrebbe rendere amaro questo libro è arrivare all'ultima pagina e chiedersi quanto dovremo aspettare per leggere di nuovo storia come questa.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…