Passa ai contenuti principali

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online


Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potessimo controllare la potenza e l'ampiezza di questo giro di diffusione.


Durante la gravidanza ho iniziato a seguire - e seguo tuttora - profili e pagine di mamme e future mamme con cui ho condiviso virtualmente opinioni e preoccupazioni, e rispetto il loro desiderio di condividere le foto dei loro piccoli fin dalla nascita. Vi scoppia il cuore dalla gioia e vorreste urlarlo al mondo intero! Condividere una, dieci o cento foto è una dimostrazione di gioia e va rispettata.
Ma noi, pur scoppiandoci il cuore, l'anima e la testa per la gioia più immensa che potessimo mai immaginare, abbiamo scelto diversamente.
Non pensate, però, che lesiniamo foto e video a nonni, fratelli, sorelle e migliori amici, anzi!

Purtroppo mi sono anche resa conto che può sembrare scortese far cadere nel vuoto le richieste di quei conoscenti o di quei lontani parenti che chiedono - a volte anche insistentemente - una foto, ma trovo più scortese chiedere qualcosa che, a causa della condivisione selvaggia di alcuni, non è più ritenuta personale. Sì, perché per me una foto che ritrae chi amo è qualcosa di personale.
Tuttavia, né io né mio marito abbiamo resistito e abbiamo pubblicato le classiche foto di manine e piedini, come potete vedere nelle immagini di questo post!

Condividere le foto dei bambini appena nati, anche con gli estranei tramite i social, crea una sorta di vicinanza, annulla la solitudine che spesso circonda i neo genitori, tramite complimenti e auguri si sentono vicine centinaia di persone che nella vita reale sono ben lontane da noi.
Noi abbiamo scelto, in questo senso, di condividere la nostra gioia solo con chi ci è vicino davvero e di creare nuove vicinanze proprio con chi, per affetto o per curiosità, verrà a trovarci nella vita reale.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…