Passa ai contenuti principali

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online


Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potessimo controllare la potenza e l'ampiezza di questo giro di diffusione.


Durante la gravidanza ho iniziato a seguire - e seguo tuttora - profili e pagine di mamme e future mamme con cui ho condiviso virtualmente opinioni e preoccupazioni, e rispetto il loro desiderio di condividere le foto dei loro piccoli fin dalla nascita. Vi scoppia il cuore dalla gioia e vorreste urlarlo al mondo intero! Condividere una, dieci o cento foto è una dimostrazione di gioia e va rispettata.
Ma noi, pur scoppiandoci il cuore, l'anima e la testa per la gioia più immensa che potessimo mai immaginare, abbiamo scelto diversamente.
Non pensate, però, che lesiniamo foto e video a nonni, fratelli, sorelle e migliori amici, anzi!

Purtroppo mi sono anche resa conto che può sembrare scortese far cadere nel vuoto le richieste di quei conoscenti o di quei lontani parenti che chiedono - a volte anche insistentemente - una foto, ma trovo più scortese chiedere qualcosa che, a causa della condivisione selvaggia di alcuni, non è più ritenuta personale. Sì, perché per me una foto che ritrae chi amo è qualcosa di personale.
Tuttavia, né io né mio marito abbiamo resistito e abbiamo pubblicato le classiche foto di manine e piedini, come potete vedere nelle immagini di questo post!

Condividere le foto dei bambini appena nati, anche con gli estranei tramite i social, crea una sorta di vicinanza, annulla la solitudine che spesso circonda i neo genitori, tramite complimenti e auguri si sentono vicine centinaia di persone che nella vita reale sono ben lontane da noi.
Noi abbiamo scelto, in questo senso, di condividere la nostra gioia solo con chi ci è vicino davvero e di creare nuove vicinanze proprio con chi, per affetto o per curiosità, verrà a trovarci nella vita reale.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…