Passa ai contenuti principali

Leggere in gravidanza: i gusti letterari cambiano?

©Dal mio profilo Instagram [@ramonagran]. È vietata la riproduzione. All rights reserved.

Ho letto di tutto nella mia vita di lettrice.
Non è un vanto, è solo capitato che per studio, per lavoro o per i più diversi interessi che mi hanno catturato negli anni, mi sono ritrovata a non avere pregiudizi nei confronti di nessun genere letterario.

Così come nel corso del tempo ho tranquillamente accettato di aver cambiato gusti letterari, o forse di averli solo arricchiti con generi che prima non avevo mai sperimentato. 
Prova ne siano i gialli e i thriller con spunti noir di fronte ai quali negli ultimi anni non mi sono tirata indietro (complice anche lo scambio di letture e opinioni con mio marito, con cui sono sempre in competizione per il primato di chi a fatto scoprire a chi quel tale scrittore o quella certa saga...).

A questo punto potreste pensare che, grazie a questa mia passione per i libri, con la gravidanza la mia libreria si sia arricchita di numerosi libri sull'argomento. Ebbene, se lo avete pensato, devo smentirvi.
Ho letto un solo libro, che tra l'altro mi è stato regalato e che io probabilmente non avrei pensato di comprare:  "La tua gravidanza di settimana in settimana. Dal concepimento alla nascita" di Lesley Regan [Tecniche Nuove] è sul mio cassettone e, di volta in volta, lo sfoglio in cerca di rassicurazione per un dubbio o una nuova fonte di ansia che mi è sorta all'improvviso (sì, mi capita di essere assalita da ansie fantascientifiche) e poi lo passo a mio marito per far leggere anche a lui nel caso la mia capacità di comprensione dell'italiano si fosse azzerata di colpo (non vi dico come è contento quando mi vede arrivare con quel librone di circa 5 kg in braccio...).

Non ho curiosità verso le numerosissime pubblicazioni che sono in giro sull'argomento, vi dico la verità. Non sono interessata a conoscere tutte le teorie esistenti sui vantaggi dell'alimentazione o sugli svantaggi dello sport in gravidanza, non mi attraggono le opinioni dei luminari sulla migliore moda comoda col pancione né sulla crescita miracolosa di unghie e capelli durante i nove mesi. Mi sono informata il giusto per me, anche perché ho notato che più scavo a fondo sull'argomento e maggiori preoccupazioni insorgono. Sebbene sia sempre stata una persona che vuole sapere tutto di tutto quello che le interessa, e pur interessandomi infinitamente questo mio stato, questa volta ho deciso che, oltre alle spiegazioni scientifiche, voglio lasciare un po' di mistero. Non è facile, in realtà, ma ci sto riuscendo finora.

©Dal mio profilo Instagram [@ramonagran]. È vietata la riproduzione. All rights reserved.

I miei gusti letterari sono cambiati? 
Provo ribrezzo di fronte ad una descrizione particolarmente cruenta 
e cerco solo storie d'amore a lieto, lietissimo fine?

Non sono arrivata a tanto, o almeno, non ancora. Ho notato, però, che cerco maggiormente letture che mi coccolino, storie piene di sentimenti grandi, non per forza storie d'amore, romance.
Cerco nelle storie quelle sensazioni universali che aprono il cuore e la mente e divoro con famelico piacere libri la cui scrittura riesce a coinvolgermi al di là di qualsiasi cosa.

Diciamo che, così come le mie voglie alimentari sono caratterizzate dalla salubrità e dal benessere vitaminico, anche le mie voglie letterarie sono virate decisamente verso la letteratura duratura piuttosto che il fast food del bestseller del momento, verso la grande scrittura di autori che hanno qualcosa da dire e sanno dirlo nel migliore dei modi.

E questa voglia di grande letteratura mi piace. Tanto.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…