Passa ai contenuti principali

Leggere in gravidanza: cosa cambia per una bookblogger?

Libri e fiori, quello che preferisco! [da Instagram © Ramonagran]

La lettura è un'attività che fa parte costantemente dei miei giorni da quando riesco a ricordare, probabilmente da quando ho imparato a leggere.
Ho letto in tutte le condizioni emotive e in tutti i periodi della mia vita, senza risentire né di stanchezza né di stress o di agenti esterni.

Nel periodo precedente alla scoperta della mia gravidanza, uno dei fattori che maggiormente mi ha messo in allarme è stato il fatto di non riuscire a leggere. Non la stanchezza, che pure mi abbatteva, non l'inappetenza, che mi faceva perdere peso senza fare niente, no. 
La mancanza di lettura mi ha fatto pensare che mi stesse succedendo qualcosa di strano, sicuramente di mai accaduto prima. E in effetti...

Quando poi è stato tutto chiaro, questa inappetenza libresca ha continuato ad accompagnarmi per qualche tempo. Ricerca dopo ricerca, ho capito che più che mancanza di volontà - quella c'è, c'era e c'è sempre stata! - erano gli ormoni a rendere la mia attenzione molto labile, estremamente sfuggente e per niente capace di focalizzarsi su... qualsiasi cosa!
Oso parlare al passato perché attualmente la situazione sembra un po' migliorata, ma non voglio fare previsioni troppo ottimistiche.

Ho sempre prestato molta attenzione alle cose che leggo e ritrovarmi con la testa improvvisamente vuota davanti a una pagina scritta, è stata una novità spiazzante.
Di conseguenza, la mia attività di bookblogger ne ha risentito e per questo chiedo perdono alle case editrici con cui collaboro per i ritardi nelle recensioni.
In giro per la rete ho scoperto che questo fenomeno è stato sperimentato anche da altre bookblogger col pancione e mi sono sentita meglio, quanto meno ho capito di non essere sola in questa per me strana manifestazione anti-lettura. Mi sono sentita compresa.

Quelle che ci sono già passate testimoniano che nei prossimi mesi il tempo per la lettura potrebbe scarseggiare, ma io guardo con fiducia a quelle blogger che, invece, hanno continuato a leggere e ad aggiornare i propri spazi web. Inoltre, mi sto già guardando attorno e probabilmente gli audiolibri potrebbero costituire una soluzione da non sottovalutare. Vi dirò.

Intanto mi godo questa ritrovata energia nella lettura, soprattutto di notte quando, per un motivo o per un altro, io e il mio pancione ci ritroviamo senza sonno e le pagine di un libro ci sembrano il posto più tranquillo dove riposare.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …