Passa ai contenuti principali

Leggere in gravidanza: cosa cambia per una bookblogger?

Libri e fiori, quello che preferisco! [da Instagram © Ramonagran]

La lettura è un'attività che fa parte costantemente dei miei giorni da quando riesco a ricordare, probabilmente da quando ho imparato a leggere.
Ho letto in tutte le condizioni emotive e in tutti i periodi della mia vita, senza risentire né di stanchezza né di stress o di agenti esterni.

Nel periodo precedente alla scoperta della mia gravidanza, uno dei fattori che maggiormente mi ha messo in allarme è stato il fatto di non riuscire a leggere. Non la stanchezza, che pure mi abbatteva, non l'inappetenza, che mi faceva perdere peso senza fare niente, no. 
La mancanza di lettura mi ha fatto pensare che mi stesse succedendo qualcosa di strano, sicuramente di mai accaduto prima. E in effetti...

Quando poi è stato tutto chiaro, questa inappetenza libresca ha continuato ad accompagnarmi per qualche tempo. Ricerca dopo ricerca, ho capito che più che mancanza di volontà - quella c'è, c'era e c'è sempre stata! - erano gli ormoni a rendere la mia attenzione molto labile, estremamente sfuggente e per niente capace di focalizzarsi su... qualsiasi cosa!
Oso parlare al passato perché attualmente la situazione sembra un po' migliorata, ma non voglio fare previsioni troppo ottimistiche.

Ho sempre prestato molta attenzione alle cose che leggo e ritrovarmi con la testa improvvisamente vuota davanti a una pagina scritta, è stata una novità spiazzante.
Di conseguenza, la mia attività di bookblogger ne ha risentito e per questo chiedo perdono alle case editrici con cui collaboro per i ritardi nelle recensioni.
In giro per la rete ho scoperto che questo fenomeno è stato sperimentato anche da altre bookblogger col pancione e mi sono sentita meglio, quanto meno ho capito di non essere sola in questa per me strana manifestazione anti-lettura. Mi sono sentita compresa.

Quelle che ci sono già passate testimoniano che nei prossimi mesi il tempo per la lettura potrebbe scarseggiare, ma io guardo con fiducia a quelle blogger che, invece, hanno continuato a leggere e ad aggiornare i propri spazi web. Inoltre, mi sto già guardando attorno e probabilmente gli audiolibri potrebbero costituire una soluzione da non sottovalutare. Vi dirò.

Intanto mi godo questa ritrovata energia nella lettura, soprattutto di notte quando, per un motivo o per un altro, io e il mio pancione ci ritroviamo senza sonno e le pagine di un libro ci sembrano il posto più tranquillo dove riposare.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…

Anteprima: Lo Straordinario di Eva Clesis

Lo Straordinario Eva Clesis Las Vegas Edizioni dal 15 febbraio in libreria
Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica. Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia. Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sco…