Passa ai contenuti principali

Leggere in gravidanza: cosa cambia per una bookblogger?

Libri e fiori, quello che preferisco! [da Instagram © Ramonagran]

La lettura è un'attività che fa parte costantemente dei miei giorni da quando riesco a ricordare, probabilmente da quando ho imparato a leggere.
Ho letto in tutte le condizioni emotive e in tutti i periodi della mia vita, senza risentire né di stanchezza né di stress o di agenti esterni.

Nel periodo precedente alla scoperta della mia gravidanza, uno dei fattori che maggiormente mi ha messo in allarme è stato il fatto di non riuscire a leggere. Non la stanchezza, che pure mi abbatteva, non l'inappetenza, che mi faceva perdere peso senza fare niente, no. 
La mancanza di lettura mi ha fatto pensare che mi stesse succedendo qualcosa di strano, sicuramente di mai accaduto prima. E in effetti...

Quando poi è stato tutto chiaro, questa inappetenza libresca ha continuato ad accompagnarmi per qualche tempo. Ricerca dopo ricerca, ho capito che più che mancanza di volontà - quella c'è, c'era e c'è sempre stata! - erano gli ormoni a rendere la mia attenzione molto labile, estremamente sfuggente e per niente capace di focalizzarsi su... qualsiasi cosa!
Oso parlare al passato perché attualmente la situazione sembra un po' migliorata, ma non voglio fare previsioni troppo ottimistiche.

Ho sempre prestato molta attenzione alle cose che leggo e ritrovarmi con la testa improvvisamente vuota davanti a una pagina scritta, è stata una novità spiazzante.
Di conseguenza, la mia attività di bookblogger ne ha risentito e per questo chiedo perdono alle case editrici con cui collaboro per i ritardi nelle recensioni.
In giro per la rete ho scoperto che questo fenomeno è stato sperimentato anche da altre bookblogger col pancione e mi sono sentita meglio, quanto meno ho capito di non essere sola in questa per me strana manifestazione anti-lettura. Mi sono sentita compresa.

Quelle che ci sono già passate testimoniano che nei prossimi mesi il tempo per la lettura potrebbe scarseggiare, ma io guardo con fiducia a quelle blogger che, invece, hanno continuato a leggere e ad aggiornare i propri spazi web. Inoltre, mi sto già guardando attorno e probabilmente gli audiolibri potrebbero costituire una soluzione da non sottovalutare. Vi dirò.

Intanto mi godo questa ritrovata energia nella lettura, soprattutto di notte quando, per un motivo o per un altro, io e il mio pancione ci ritroviamo senza sonno e le pagine di un libro ci sembrano il posto più tranquillo dove riposare.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…