Passa ai contenuti principali

Giulia Tofana. Gli amori, i veleni di Adriana Assini


Le donne sono amiche e nemiche delle altre donne, oggi come nei secoli scorsi e forse sarà sempre così.
I mezzi di questa alleanza si sono manifestati nei modi più disparati, tra intrighi e lotte di classe, cortei e manifestazioni, segreti terribili e pratiche illecite.
Giulia Tofana è una donna dall'innegabile bellezza supportata anche dall'acuta scaltrezza che, da semplice meretrice, l'ha fatta assurgere ad alleata di tutte le donne vessate dai mariti e dalla condizione sociale dell'inizio del '1600.
Adriana Assini in "Giulia Tofana. Gli amori, i veleni" [Scrittura & Scritture] riprende le vicende storiche che hanno visto protagonista la fattucchiera di Palermo e dona loro sfumature appassionate e coinvolgenti.

Per quanto possa essere concreta e smaliziata, la bellissima Giulia non riesce a resistere alla malia del barone Manfredi, detto il Normanno per i suoi colori chiari e l'aria nobile. Non resiste a donargli tutto il suo cuore, anche quando Manfredi dà prova di non volersi impegnare ma la realtà, la sua realtà, fatta di sotterfugi e segreti, la spinge ben presto a fuggire da lui e dalla sua amata città.
Giulia, infatti, oltre a vendere il suo corpo, da qualche tempo ha iniziato a commerciare in grandissimo segreto una certa "Acqua tofana", una pozione insapore, incolore e inodore che, somministrata in piccole dosi costantemente, garantisce una lenta e insospettabile morte. 
In breve, l'Acqua tofana diventa molto conosciuta tra le donne di ogni età ed estrazione sociale, tanto che nobili e popolane si ritrovano gomito a gomito nella lotta per uscire dalla condizione di soprusi e maltrattamenti perpetrati dai mariti. Ed è questa popolarità che spinge Giulia a fuggire prima a Napoli e poi a Roma, grazie all'intervento di Fra' Nicodemo, un frate non convenzionale, profondamente innamorato di lei. Coi suoi appassionati occhi verdi, Nicodemo convince Giulia a seguirlo e a iniziare una nuova vita nella città eterna, mentre papa Clemente VIII rivoluziona gli usi e costumi e le opere artistiche dell'Urbe.

La storia raccontata da Adriana Assini prende luce e ombre dalla storia vera di questa sfaccettata personalità femminile, ma poi se ne discosta, forse per dare un finale più aperto e speranzoso al romanzo di quanto non ne abbia avuto la vera Giulia nella vita reale.
Non si può fare altro che sentirsi legati alle vicende rocambolesche di Giulia e delle sue compagne di sventura, quasi che il terribile rimedio escogitato alle sofferenze terrene le avvicinasse un po' di più all'assoluzione ultraterrena dei loro peccati.

Leggete "Giulia Tofana. Gli amori, i veleni" se avete voglia di un romanzo storico che vi accompagni appassionatamente alla scoperta di un'epoca tanto oscura quanto innegabilmente attuale.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…