Passa ai contenuti principali

Napoli-New York. Amore al peperoncino di Pamela Boiocchi e Michela Piazza


Se ti chiami Maria Gennara Caruso, vivi a New York e fai lo chef in un ristorante italiano, hai poca scelta se non essere quello che sei: una italiana che gli americani identificheranno con uno stereotipo.
Forse per questo Mary Jane si sforza di essere aperta a tutte le esperienze, in cucina e fuori. Ma quando la sua amica Sandy le presenta Rick, un cowboy di quelli visti solo al cinema, la situazione le sfugge di mano.

"Napoli-New York. Amore al peperoncino" di Pamela Boiocchi e Michela Piazza [Rizzoli YouFeel RELOADED] inizia così, con una serie di cliché sull'eterno match Italia vs Usa in cui nessuna delle due parti riesce mai a segnare il punto decisivo.
Pubblicato come self su Amazon, questo romance leggero e scorrevole trova nuova vita nel mood ironico della collana dedicata ai libri perfetti per ogni umore.

«La cucina è una faccenda completamente personale. Non si prepara un piatto solo con ingredienti e attrezzi! Lo si prepara con il cuore, con i sentimenti, con la propria storia e con la propria visione del mondo.»

"Napoli-New York. Amore al peperoncino" prosegue sul filo della contrapposizione tra Mary Jane, passionale e così incasinata nella vita personale quanto perfezionista ai fornelli, e Rick, che si rivela essere il nuovo ricchissimo proprietario del ristorante dove lei lavora. Ed è stata forse proprio questa contrapposizione a non convincermi del tutto, forse perché, a parer mio, troppo giocata sugli stereotipi e poco sull'effettivo carattere dei personaggi. 
Certo, è pur vero che esistono persone che non sono altro che banali rappresentazioni di abitudini nazionali, ma forse io in un libro ironico cerco altro. In più, da napoletana, leggere di Napoli e soprattutto trovarmi sotto gli occhi la scrittura del dialetto riprodotto non correttamente, è stata una mossa azzardata che, come lettrice accorta, avrei dovuto evitare, me ne rendo conto solo ora.

Tuttavia, non lasciatevi scoraggiare: questo romance è godibilissimo per un pomeriggio all'insegna della spensieratezza e vi strapperà anche qualche sorriso divertito.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …