Passa ai contenuti principali

La prima stella della notte di Susan Elizabeth Phillips


Quando si leggono tanti libri, a volte i dettagli di uno o di un altro si confondono. 
A meno che non siano stati così memorabili da permettermi di ripensare ai singoli personaggi e alle loro storie sempre con piacere e a spingermi, anzi, a rileggerle periodicamente.
Mi succede con pochi autori, a dir la verità, che scrivono dei generi più diversi, e quei pochi me li tengo ben stretti.
Uno di questi è Susan Elizabeth Phillips.

Per tanto tempo ho tenuto i suoi ebook nel lettore senza sfogliarne nemmeno una pagina. Probabilmente erano stati il bottino di uno dei miei soliti attacchi di shopping libresco e, come a volte mi succede, poi me ne ero dimenticata. 
L'estate scorsa - sì, l'estate scorsa ho letto come non mai e ho dato fondo a qualsiasi testo avessi nell'ereader e in libreria - ho iniziato e sono stata presa dalla dipendenza.
Ho iniziato con la serie "Chicago Stars" e sono andata avanti con gli altri. Ad un certo punto, ho avuto anche crisi di astinenza per mancanza di SEP e ho rimediato rileggendo per l'ennesima volta "Odio quindi amo" (in questi giorni mi circola di nuovo tra i pensieri e mi sa tanto che è arrivato il tempo di rileggerlo... ancora!).

"La prima stella della notte" [Leggereditore] arriva quando ormai nessuno si aspettava un nuovo capitolo dei Chicago Stars, quando la stessa autrice aveva giurato e spergiurato che con "Natural Born Charmer" (Seduttore dalla nascita, in italiano, edito sempre da Leggereditore) la serie era conclusa. Poi, si sa, i percorsi della creatività sono pressoché infiniti e non sempre ci portano dove vorremmo andare.
Così ci ritroviamo a Chicago con Cooper Graham, l'ultimo quarterback dei Chicago Stars, a cui ha regalato tre stagioni grandiose e, in ultimo, l'anello di diamanti del Super Bowl. Tutti conoscono Cooper Graham. Tutti vogliono conoscere Cooper Graham e parlare con lui di football. Ogni giorno è un buon giorno per essere Cooper Graham. Lui lo sa e lo sanno anche tutti quelli che gli stanno attorno. Ma allora perché sembra sempre che voglia andare oltre se stesso con una nuova impresa, una buona avventura, una nuova sfida?

Piper Dove è una donna che appare fragile, confusa e persa in chissà quale misfatto che la vita l'ha messa ad affrontare da sola. Di solito, l'apparenza inganna e anche in questo caso, la vera Piper è tutt'altro che un fiorellino indifeso. Perché segue Cooper? È una stalker innamorata di lui? È stata mandata da qualcuno? Qual è il suo piano?

In pieno stile SEP, "La prima stella della notte" ribalta gli stereotipi e, al di là del romance, dona una tale profondità psicologica ai personaggi che è impossibile non appassionarsi nella lettura.
È sempre bello, poi, ritrovare i personaggi dei capitoli precedenti della serie, soprattutto Phoebe Somerville Calebow, protagonista di "Il gioco della seduzione", che ha dato inizio a tutta la serie.

Se l'autrice ha di nuovo preso in considerazione l'idea di chiudere questa serie, io le consiglierei di ripensarci per tre motivi: 
1. si percepisce la passione e il divertimento che ci mette nello scrivere i libri della serie; 
2. i Chicago Stars avranno sempre i quarterback più affascinanti del campionato quindi... perché non parlarne?; 
3. ormai ci ha resi dipendenti e non può lavarsene le mani!

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …