Passa ai contenuti principali

La legge di Murphy di Daniela Saviozzi


Se qualcosa può andare male, lo farà.
Legge di Murphy

Per quanto attenti possiamo essere, ci sarà sempre qualcosa che sfuggirà al nostro controllo. Lo dice Murphy, lo dicono i fatti, lo dice Valeria, la protagonista di "La Legge di Murphy" di Daniela Saviozzi [Rizzoli YouFeel].
Valeria Melli vuole fare l'attrice, è per questo che si è trasferita a Roma dalla Toscana, è per questo che fa la gelataia per mantenersi intanto che aspetta il provino che la farà salire sui più grandi palcoscenici italiani e internazionali. Ma per quanta attenzione Valeria possa metterci, la Legge di Murphy è sempre dietro l'angolo a confermare che non si deve mai abbassare la guardia.

La mia vita non è che un susseguirsi di fallimenti, dalle vacanze, agli acquisti, ai fidanzati, agli studi... Una scelta pessima dopo l'altra, nonostante mi si presentino svariate opzioni. Insomma, ho la capacità di scegliere sempre il peggio, in ogni situazione. Come può una sfigata del genere sperare in una botta di fortuna?

Così, quando ottiene il provino che più desidera, Valeria si ritrova sotto la doccia, insaponata e senza un filo d'acqua che esce dal rubinetto. Grazie alla sua amica e coinquilina Susy, trova la soluzione ideale per quel momento di crisi: usare l'appartamento all'ultimo piano del condominio, quello disabitato e ancora in ristrutturazione ma con una doccia funzionante. Ma si sa, se qualcosa può andare storto, lo farà.

Passaggi esilaranti si alternano agli stati di panico della protagonista di questa commedia ironica con una spolverata di romance. Sì, perché la Legge di Murphy sarà pure infallibile, ma di fronte all'amore deve fare un passo indietro.
Leggete "La Legge di Murphy" se avete voglia di qualcosa di leggero e frizzante.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…