Passa ai contenuti principali

La legge di Murphy di Daniela Saviozzi


Se qualcosa può andare male, lo farà.
Legge di Murphy

Per quanto attenti possiamo essere, ci sarà sempre qualcosa che sfuggirà al nostro controllo. Lo dice Murphy, lo dicono i fatti, lo dice Valeria, la protagonista di "La Legge di Murphy" di Daniela Saviozzi [Rizzoli YouFeel].
Valeria Melli vuole fare l'attrice, è per questo che si è trasferita a Roma dalla Toscana, è per questo che fa la gelataia per mantenersi intanto che aspetta il provino che la farà salire sui più grandi palcoscenici italiani e internazionali. Ma per quanta attenzione Valeria possa metterci, la Legge di Murphy è sempre dietro l'angolo a confermare che non si deve mai abbassare la guardia.

La mia vita non è che un susseguirsi di fallimenti, dalle vacanze, agli acquisti, ai fidanzati, agli studi... Una scelta pessima dopo l'altra, nonostante mi si presentino svariate opzioni. Insomma, ho la capacità di scegliere sempre il peggio, in ogni situazione. Come può una sfigata del genere sperare in una botta di fortuna?

Così, quando ottiene il provino che più desidera, Valeria si ritrova sotto la doccia, insaponata e senza un filo d'acqua che esce dal rubinetto. Grazie alla sua amica e coinquilina Susy, trova la soluzione ideale per quel momento di crisi: usare l'appartamento all'ultimo piano del condominio, quello disabitato e ancora in ristrutturazione ma con una doccia funzionante. Ma si sa, se qualcosa può andare storto, lo farà.

Passaggi esilaranti si alternano agli stati di panico della protagonista di questa commedia ironica con una spolverata di romance. Sì, perché la Legge di Murphy sarà pure infallibile, ma di fronte all'amore deve fare un passo indietro.
Leggete "La Legge di Murphy" se avete voglia di qualcosa di leggero e frizzante.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…

Leggimi Napoli, un percorso d'amore

Per l’anno nuovo, ho cercato di evitare i buoni propositi ma, evidentemente, loro non hanno evitato me. Pur non avendone le intenzioni, pian piano hanno iniziato a formarsi nei miei pensieri delle liste, degli elenchi, delle frasi a volte composte da una sola parola, che indicavano senza ombra di dubbio delle proposte di cose da fare possibilmente nei prossimi dodici mesi. Dei propositi, insomma.
Quello di cui vi sto per parlare è un percorso che si è delineato naturalmente, complice la miriade di libri che ho portato con me dalle vacanze natalizie. A ben guardare, infatti, tra i libri che ho letto e quelli che vorrei leggere, ce ne sono tanti che parlano di Napoli. Non a caso ho iniziato l’anno di questo blog proprio con la recensione di “Napoli mon amour”.

Ho notato che, da quando vivo all'estero, ho iniziato a cercare, leggere e accarezzare libri che parlano della mia terra. Non perché abbia bisogno dell'inchiostro su carta per ricordarmela, per carità, ma forse mi sembra …