Passa ai contenuti principali

Donne che leggono di donne


Per la festa della donna, molti siti letterari si sono divertiti - voglio sperare che l'animo fosse questo - a consigliare libri scritti da donne, che parlano di donne o che sono di alcuni generi considerati prettamente femminili. 
Ho letto uno, due, cinque articoli più o meno simili, in cui il comune denominatore erano le donne e i loro sentimenti, che fossero l'autrice o la protagonista del libro consigliato poco importava.
Al che mi sono detta: ma dove sta scritto che io, da donna, devo leggere solo autrici donne, o libri che parlino di donne, o di argomenti ritenuti vicini al mondo delle donne?

Me lo sono chiesto da donna, ma più di tutto da lettrice onnivora e ossessiva e finora non ho trovato una risposta soddisfacente.
Che poi non è sbagliato il principio di far conoscere, nella giornata dedicata alle donne, figure femminili protagoniste di storie scritte magari da altre donne. 
Ho trovato solo molto semplicistico il principio secondo cui dovrebbe interessarci un solo genere.

Negli ultimi anni la letteratura rosa ha assunto sfumature femministe che hanno ridato orgoglio alle bistrattate lettrici che fino ad allora erano state ritenute di serie B.
Finalmente scrittrici e lettrici possono sfoderare le copertine dei loro libri preferiti e sentirsi fiere di se stesse e di quello che leggono al pari di quei lettori - e lettrici - che preferiscono i gialli, o i thriller o i saggi di interesse scientifico.

Che leggiate romanzi rosa, gialli, storici, thriller, saggi, poesie o trattati politici, siatene fieri.

La libertà di leggere quello che si vuole, secondo me, è quanto di più rosa e femminista ci possa essere e dovrebbe essere quello l'unico consiglio da dare alle donne nel giorno a loro dedicato.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…