Passa ai contenuti principali

Donne che leggono di donne


Per la festa della donna, molti siti letterari si sono divertiti - voglio sperare che l'animo fosse questo - a consigliare libri scritti da donne, che parlano di donne o che sono di alcuni generi considerati prettamente femminili. 
Ho letto uno, due, cinque articoli più o meno simili, in cui il comune denominatore erano le donne e i loro sentimenti, che fossero l'autrice o la protagonista del libro consigliato poco importava.
Al che mi sono detta: ma dove sta scritto che io, da donna, devo leggere solo autrici donne, o libri che parlino di donne, o di argomenti ritenuti vicini al mondo delle donne?

Me lo sono chiesto da donna, ma più di tutto da lettrice onnivora e ossessiva e finora non ho trovato una risposta soddisfacente.
Che poi non è sbagliato il principio di far conoscere, nella giornata dedicata alle donne, figure femminili protagoniste di storie scritte magari da altre donne. 
Ho trovato solo molto semplicistico il principio secondo cui dovrebbe interessarci un solo genere.

Negli ultimi anni la letteratura rosa ha assunto sfumature femministe che hanno ridato orgoglio alle bistrattate lettrici che fino ad allora erano state ritenute di serie B.
Finalmente scrittrici e lettrici possono sfoderare le copertine dei loro libri preferiti e sentirsi fiere di se stesse e di quello che leggono al pari di quei lettori - e lettrici - che preferiscono i gialli, o i thriller o i saggi di interesse scientifico.

Che leggiate romanzi rosa, gialli, storici, thriller, saggi, poesie o trattati politici, siatene fieri.

La libertà di leggere quello che si vuole, secondo me, è quanto di più rosa e femminista ci possa essere e dovrebbe essere quello l'unico consiglio da dare alle donne nel giorno a loro dedicato.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…