Passa ai contenuti principali

Vendetta d'amore di Anna Grieco e Irene Grazzini


Per scrivere un romance storico di grande impatto sul lettore, basta usare tutti i moduli tipici di questo genere?
Me lo sono chiesta quando, leggendo "Vendetta d'amore" di Anna Grieco e Irene Grazzini [Leggereditore], qualcosa - parecchie cose, in realtà - mi sono sembrate fin troppo familiari.

C'è una nobildonna in difficoltà economiche a causa del padre dilapidatore, la contessina Elizabeth Claredon, e c'è un uomo povero, di incerte origini, che fa lo stalliere nella proprietà di famiglia, Kenneth. Come migliore tradizione romantica vuole, i due giovani cadono l'uno tra le braccia dell'altro e poco importano le convenzioni sociali, soprattutto se il rapporto rimane segreto al mondo.
Il padre dilapidatore di cui sopra, però, ha delle mire su quell'unica figlia femmina, bella e raffinata, che potrebbe mettere a posto i suoi problemi economici con un combinatissimo matrimonio con uno dei nobili più ricchi d'Inghilterra. Non importa quale nobile, non importa la differenza d'età tra gli sposi, non importa niente: quello che conta sono i soldi. L'unica soluzione è eliminare l'ostacolo costituito dallo stalliere innamorato.

Così, Elizabeth e Kenneth vengono separati ma, a distanza di un anno, tra le circostanze più fortuite che possano esistere, i due si incontrano di nuovo. Elizabeth è sempre una delle donne più belle della società, ma Kenneth è cambiato, ora è diventato uno dei nobili più ricchi del regno. Facile immaginare la vendetta del titolo a cosa si riferisca. All'happy ending si arriva attraverso peripezie e stratagemmi, ma alla fine anche io sono stata contenta che i due protagonisti abbiano coronato il loro sogno.

Come dicevo all'inizio, troppe cose mi suonavano familiari, così ho messo un po' a soqquadro la mia libreria e, alla fine, sono venuta a capo del mistero: "Magia di un amore" di Lisa Kleypas [Leggereditore] è la storia di Lady Aline Marsden che si innamora dello stalliere John McKenna, ma, a causa del padre che vuole concludere per lei un vantaggioso matrimonio, è costretta ad allontanarlo. Lui torna dieci anni dopo, ricco e sicuro di sé, e cerca di vendicarsi dell'unica donna che gli abbia mai spezzato il cuore.

Le coincidenze sono parecchie, in effetti, non lo si può negare, ma se non avete letto il libro della Kleypas, "Vendetta d'amore" è un buon libro, in fin dei conti scritto bene, con dei personaggi - Lady Justine Tremain e il visconte David Fitzgerald, per esempio - che forse sono molto più affascinanti degli stessi protagonisti principali e meriterebbero un libro interamente dedicato a loro.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…