Passa ai contenuti principali

Segnalazione: L'uroboro di corallo di Rosalba Perrotta


L'uroboro di corallo
Rosalba Perrotta
Salani 
dal 23 febbraio in libreria

Trama

Può un’eredità imprevista cambiarti la vita, anche se non sei più giovanissima e non ti aspetti più nulla dal mondo? Sì, se l’eredità è una spilla di corallo a forma di uroboro. Di un suo supposto potere magico è convinta Anastasia, una donna ‘all’antica’, insicura e piena di remore, che vive l’abbandono del marito come una colpa e ha congelato la propria esistenza nell’attesa di un suo improbabile ritorno. L’eredità dell’amante del nonno, un palazzetto in una zona malfamata di Catania e una scatola piena di cianfrusaglie tra cui l’uroboro, è l’occasione per cambiare tutto.
Intorno ad Anastasia un mondo di personaggi vivi e reali: le tre cugine ‘continentali’, la figlia Nuvola con i capelli viola e il suo bizzarro mestiere, l’altra figlia Doriana, che scopre le gioie e i dolori dell’adulterio, e poi ancora il notaio-cuoco Matteo e l’inquietante cavalier Santospirito con le sue rocambolesche manovre per impossessarsi del magico uruboro. Ma specialmente Igor, il primo amore di Anastasia, che potrebbe tornare dalla Guadalupa e rimettere tutto in discussione…
Un romanzo immerso nei caldi colori mediterranei, in cui ironia e fiducia nel cambiamento aprono nuove, meravigliose strade.

L'autrice

Rosalba Perrotta vive a San Gregorio, un piccolo centro alle pendici dell’Etna. È sposata e ha un figlio, Stefano. Non possiede bestiole domestiche, ma dà i croccantini ai gatti che visitano il suo giardino. Ha insegnato con grande passione Sociologia all’Università di Catania. È autrice, tra l’altro, di All’ombra dei fiori di jacaranda, edito da Salani.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Novembre dorato

L'autunno è arrivato tardi ma poi è esploso in tutti i colori che lo caratterizzano. Passeggiando con mia figlia nel bosco che abbiamo sotto casa, su sentieri di foglie dorate, mi sono ricordata che quando ero piccola il mio colore preferito era il giallo. Come erano i miei capelli, come un prendisole che mi aveva cucito mia zia con i bottoncini a forma di matitine gialle, come tutte le cose che sceglievo liberamente. Giallo. Chissà perché lo avevo dimenticato.
Ho cucinato, per quanto mi fosse possibile, piatti che richiamassero l'autunno: risotti ai funghi (mai buoni come quelli che fa mio marito, ma tant'è), zuppe di zucca, arrosti. Non so perché, ma ogni volta che mi sono trovata a fare la spesa, mi è sembrato di avere sotto il naso l'odore del bosco e l'ho seguito finché non ho saputo di essere nel posto giusto.
Ho letto e ho scritto ma non nella misura che mi è sembrato sufficiente, né dell'una né dell'altra cosa. Sia della lettura che della scrittura…

Novità: Il Club delle Pigiamiste di Giulia Binazzi e Chiara Leonardi

Il Club delle Pigiamiste Giulia Binazzi (testi) e Chiara Leonardi (illustrazioni) A40annivieneilbello Edizioni

Pigiamisti non si diventa, pigiamisti si è!
Quando ancora tutti dormono, apre il Club delle Pigiamiste. Le due protagoniste, nonché fondatrici del Club, Alice e Caterina, si trovano a dover gestire una richiesta sospetta di ingresso al Club da parte di un nuovo inquilino del palazzo. Solo il Grande Consiglio Mondiale delle Pigiamiste potrà aiutarle a sciogliere il dilemma: sarà un vero pigiamista?
Una storia divertente e leggera, che farà venire voglia ai più piccoli di ributtarsi sotto le coperte e iniziare una delle mille avventure nella propria camera da letto, in un luogo intimo e protetto in cui la fantasia può sbocciare, in cui uno scatolone diventa una macchina per raggiungere il sole, un tavolo può diventare magicamente un palcoscenico sul quale esibirsi e una coperta un mare gremito di stelle marine. Le bambine e i bambini si riconosceranno nell'atmosfera di casa …