Passa ai contenuti principali

Il tempo dell'attesa


Da qualche anno, senza nessuna ragione particolare, ho smesso di portare l'orologio.
Continuo a misurare il tempo, ma molto più blandamente.
Non me ne ero mai accorta e avrei continuato a non pensarci, se non avessi visto gli orologi di mio marito ben allineati sul cassettone in camera da letto. Sono giorni che non li indossa.

Negli ultimi tempi il tempo che passa viene scandito da un nuovo ritmo e sembra andare lento e velocissimo, allo stesso tempo. 
Le settimane sono segnate da nuovi centimetri attorno al mio punto vita e i giorni sono diventati una miriade di piccole, piccolissime novità, spesso annunciate dalle vibrazioni che avverto solo nella mia pancia.

Questo tempo è dolcissimo e lento, fatto di calore e sensazioni nuove, intervallato da buone letture e sorrisi, festeggiato con carezze e sussurri. 
Questo tempo lentissimo e dolce accelera ogni momento che passa, eppure non è mai stato più mio di ora che mi dedico a più cose, a più persone, a più amori.

Il tempo dell'attesa è quello che va lento, mentre quando si è in ritardo sembra scivolare dalle dita.
E per quanta impazienza possa esserci per questa bellissima attesa d'amore, ho imparato ad amare questa lentezza, questa dolcezza nel ritmo della vita, che non per questo rallenta.

Ci sarà un tempo in cui riprenderemo in mano i nostri orologi, io e mio marito, lo so che arriverà.
Ma non sarà ora, non oggi, perché il ticchettio che scandisce le nostre giornate e le nostre attività ci viene dal cuore. 
E non c'è niente che vorremmo di più.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…