Passa ai contenuti principali

Fiori di carta di Carla Marcone


I personaggi delle storie che leggiamo spesso ci sembrano così reali che fatichiamo a riportarli nella dimensione della pagina. Come l'opera di Pirandello ampiamente documenta, anche l'autore ha a che fare con i personaggi delle sue trame come fossero amici, conoscenti e, perché no, a volte anche nemici con cui combattere quotidianamente.

Da lettrice, però, devo confessare che a volte ho trovato più spessore nella gente di carta che in quella in carne e ossa, e forse la mia ossessione per i libri per questo è diventata più appassionante di quella per le persone.

"Fiori di carta" di Carla Marcone [Scrittura & Scritture] mi ha riportato al tempo in cui riflettevo sul mondo della scrittura e sulla realtà ed è stato bello ritrovare quei pensieri, anch'essi come fiori di carta immutabili nel tempo.

«Sono cresciuta tra fiori di mille e più colori, ma che non avevano profumo.
Mia madre per guadagnarsi da vivere faceva fiori. Fiori di carta.»

La storia intessuta da Carla è fitta come la trama di un arazzo e, allo stesso tempo, è semplice come un filo di cotone. La voce di Rossella mi ha conquistata fin dalle prime pagine, narrando senza fronzoli, con una nudità di parole più impudica di qualsiasi nudità del corpo.
Rossella parla della sua vita ma soprattutto delle vite che passano attraverso i suoi occhi: quella della mamma Clara, chiusa in un silenzio senza rimedio, rotto solo dalla muta comprensione con Maria, amica forte e mamma per tutte e due quelle anime randagie; quella delle gemelle Piera e Antonina, diverse declinazioni di un solo amore amaro per la vita; quella di Gino, il figlio di Maria con cui ha condiviso prima il cesto da neonati e poi la vita da adulti. Rossella racconta il presente e il passato, ciò che ha conosciuto con i suoi occhi e anche ciò che non avrebbe mai potuto conoscere perché troppo lontano da lei nel tempo e nello spazio.

La scrittura di Carla Marcone possiede una potenza particolare, che già mi aveva stretto nelle sue spire con "Teresa e la luna": la scelta delle parole è forte e delicata allo stesso tempo, le trame hanno una profondità che, indipendentemente dall'argomento, riesce a scavare qualcosa nell'animo del lettore. O almeno, così succede sempre a me quando leggo gli scritti di Carla.

- I tuoi fiori sono bellissimi, sì... sono così belli che sembrano vivi. I tuoi fiori profumano.

"Fiori di carta" è il primo romanzo di Carla Marcone ed è del 2005, ma su Amazon potete trovarlo sia in versione cartacea (ce ne sono poche copie) che in formato Kindle.
Io ve lo consiglio perché è uno di quei libri che non hanno un'epoca precisa per essere letti, perché raccontano di sentimenti senza scadenza, che non appassiscono mai. Proprio come i fiori di carta.

Commenti

  1. Non conoscevo questo libro ma la tua recensione appassionata mi ha molto incuriosito! Hai ragione: É incredibile come a volte il mondo di carta riesca a superare la realtà con personaggi profondi e vivi:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver letto la mia recensione! Te lo consiglio e, se lo leggi, poi dimmi cosa ne pensi. ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Recensione: Tutto il tempo che vuoi di Francesco Gungui

Il celebre aforisma recita: "La vita è quello che ti accade mentre sei occupato a fare altri progetti" e la verità di questa affermazione possiamo confermarla solo vivendola. Franz, il protagonista di "Tutto il tempo che vuoi" di Francesco Gungui [Giunti], è decisamente occupato a fare altro, con la convinzione di stare vivendo la vita ideale. A 36 anni lavora come editor per una grande casa editrice, convive con la sua compagna e stanno cercando di avere un bambino. Tutto fila liscio, non gli sembra neppure che ci sia bisogno del famoso climax che consiglia di inserire nelle storie degli autori di cui si occupa. Se non fosse che, la superficie delle cose, per quanto liscia possa essere, non riuscirà mai a nascondere qualche ingranaggio che non funziona alla perfezione. Ed è proprio quel minuscolo ingranaggio che, alla fine, fa saltare tutto il sistema. Franz si ritrova senza fidanzata, senza figlio e senza lavoro.
[...] Secondo me ci sono due tipi di persone, quel…