Passa ai contenuti principali

Beautiful di Christina Lauren


Quando le cose non vanno come avevamo pensato dovessero andare, ci sono due cose da fare: o restare e lottare contro tutto e tutti, o scappare.
Pippa Bay Cox sa che non è rimasto molto per cui lottare nel suo rapporto con Mark, un fedifrago immaturo, colto sul fatto mentre nel loro letto la tradisce con una sconosciuta. Non le resta, allora, che cambiare aria: una bella vacanza è quello che ci vuole e la proposta della sua migliore amica Ruby arriva al momento giusto.

Inizia così "Beautiful" di Christina Lauren [Leggereditore], il capitolo conclusivo della serie "Beautiful Bastard" dove ritroviamo tutti i protagonisti dei precedenti romanzi nelle loro nuove vite.

Jensen Berstrom è il fratello di Hanna "Zigg" Berstrom, la protagonista di Beautiful Player, ed è il miglior amico di Will Sumner. Jensen è votato anima e corpo al lavoro dopo un doloroso divorzio, non ascolta la sorella che lo vorrebbe più attivo nella vita sociale. Per lui il massimo della vita è starsene a casa, fermo nelle sue abitudini, col cuore a riposo:

Non mi vergognavo neanche un po' del fatto che una cena take-away e Netflix mi facessero sentire su di giri.

Quando di ritorno da Londra la sua vicina di aereo è una ragazza stramba di nome Pippa, sembra infastidito ma poi il fiume di parole che le esce di bocca lo strappa ai suoi pensieri.
Il loro rapporto all'inizio è improntato dal trovarsi nel posto sbagliato al momento sbagliato mentre uno dei due dice qualcosa che l'altro non avrebbe dovuto ascoltare, ma poi, complice il viaggio con Ruby e Hanna - e tutti gli altri protagonisti dei romanzi precedenti - qualcosa cambia pian piano.

"Beautiful" è un romance che vi farà infiammerà per le scene erotiche -sì, ci sono, ma non sono eccessive - ma vi farà anche ridere perché in effetti Pippa è un tipino di quelli che vi piacerebbe incontrare anche nella realtà, buffa e sincera.
L'epilogo è di quelli da grandi occasioni: oltre a Jensen e Pippa, lasceremo ai loro happy ending anche Hanna e Will (Beautiful Player), Max e Sara (Beautiful Stranger), Chloe (Beautiful Bitch) e Bennet (Beautiful Bastard).

Confesso di essere partita dalla fine della serie, perché, pur avendo sempre seguito le uscite dei diversi capitoli, non ne avevo ancora letto nessuno. Dopo aver letto "Beautiful" credo che recupererò perché i diversi personaggi di cui ho avuto un piccolo assaggio in questo libro, mi hanno incuriosito molto nella loro caratterizzazione non banale, pur trattandosi di trame romance ad alto tasso erotico, tipiche delle ultime tendenze commerciali.

Leggete "Beautiful" anche se non avete letto gli altri libri e sarete conquistati da una serie in cui rifugiarvi quando vi sembra tutto troppo pesante. Leggerezza e divertimento ben scritto sono due tra i tratti caratteristici di Christina Lauren (aka Christina Hobbs e Lauren Billings) e posso assicurarvi che sa quello che fa.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…