Passa ai contenuti principali

Una dolce ostilità di Marianne Kavanah


Quando ci siamo convinti di una cosa, difficilmente gli occhi ci rimanderanno indizi per cambiare idea.
Capita nella visione di noi stessi e anche in quella degli altri, e per quanto le azioni siano più efficaci dei pregiudizi, se anche quelle sono rilette con gli stessi occhi, la situazione non evolverà mai.

"Una dolce ostilità" di Marianne Kavanah [Garzanti] è un romanzo che si basa su questo: Kim ha avuto una prima impressione di Harry e, nel corso degli anni, qualsiasi cosa lui faccia, ai suoi occhi non fa che confermare quella prima idea.
Non importa che sua sorella Eva faccia di tutto per darle piccoli indizi sulla realtà che è ben diversa da quella che lei crede: Kim è convinta che Harry sia un privilegiato, che sia uno abituato ad avere tutto nella vita e che abbia nessun valore valido secondo i suoi rigidi princìpi.
Ma la vita si mette di mezzo e Kim e Harry saranno costretti a frequentarsi molto più di quello che avrebbero immaginato all'inizio.

Marianne Kavanah intesse una storia che abbraccia diversi anni, senza mai perdere mordente, con un'intensità che mi ha incollata alla pagina fino alla fine.
Ho letto un paio di volte "Una dolce ostilità" perché a volte mi sono ritrovata a pensare ai personaggi di Kim e Harry e a ripassare in mente alcuni passaggi della loro storia.

Avevo già letto "Un incantevole imprevisto" e, anche in quel caso, i pregiudizi e il destino hanno una parte fondamentale nello svolgimento degli eventi. Che sia una nota distintiva di questa autrice?

Leggete questo libro se amate i grandi amori che non sanno di essere tali finché non si svelano con tutta la loro forza distruttrice e rigenerante allo stesso tempo. Lo adorerete.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…

Anteprima: Buona vita a tutti di J.K. Rowling

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione J.K. Rowling Salani dal 20 novembre in libreria e in tutti gli store online
Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità del…