Passa ai contenuti principali

La mossa della cernia di Valeria Corciolani


Prendete una città sul mare. Mettete il caso che in questa città vivano delle persone particolari, come possono essere particolari le persone che lavorano, si incontrano, mangiano, amano. Particolarmente normali, a ben pensarci, ma il mare non ammette alcuna normalità e se una cernia un po' curiosa si mette ad osservare tutto, non c'è poi molto da sorprendersi.

Ne "La mossa della cernia" di Valeria Corciolani [Emma Books] ritroviamo i personaggi già conosciuti in "Lacrime di coccodrillo" e devo ammettere che è piacevole rivederli.
Siamo sempre a Chiavari e il cavalier Merello ha indetto un concorso per trovare il degno successore nella sua rinomata pasticceria. Mentre tutti - giudici, giornalisti, addetti ai lavori - sono impegnati a leccarsi i baffi e le dita coi deliziosi assaggi dei concorrenti, un amaro delitto sfiora il cavaliere e tutti quelli che gli sono attorno: suo genero viene trovato morto in circostanze quanto meno insolite e inspiegabili.

Quando arriva il commissario Pietro Lanzi, insieme all'agente Olivari, si riforma la squadra con Guia e Lucia, che si trovano alla villa per dare vita a dei quadri gastronomici ispirandosi alla collezione di dipinti del cavaliere. Come in "Lacrime di coccodrillo", i quattro si uniscono nelle intuizioni e nella raccolta degli indizi e da questa collaborazione la personalità di ognuno di loro ne esce arricchita. Quanto meno il lettore, attento ai piccoli cambiamenti avvenuti nel corso della storia in ogni personaggio, riesce ad avere una fotografia nitida di tutto ciò che l'autrice vuole trasmetterci.

Come mi è capitato anche per il primo libro, anche stavolta ho letto e riletto la storia perché le atmosfere mi piacciono, mi piacciono le storie che si intrecciano con la trama principale e... mi piace il cavalier Merello e le sue dolcissime creazioni!

Leggete questo libro di Valeria Corciolani se avete voglia di una storia che è come una pralina di raffinato cioccolato fondente con all'interno una dolcezza inaspettata.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…