Passa ai contenuti principali

Jonas e Viridiana. Il cuore d'inverno di Francesca Cani


Quando a scuola studiamo la Storia, difficilmente riusciamo ad immaginare che dietro ai nomi da imparare a memoria, ci siano stati realmente delle persone in carne ed ossa, con un carattere e un cuore che pulsava per la passione.

Per me i romanzi storici, quando sono scritti bene e ben documentati, mi offrono l'opportunità di guardare da un'altra prospettiva qualcosa che altrimenti rimarrebbe solo una data su un libro di scuola ormai messo da parte.

"Jonas e Viridiana. Il cuore d'inverno" di Francesca Cani [Leggereditore] è un romanzo storico che mi ha fatto sbirciare nella Grande Storia attraverso gli occhi dei protagonisti.
Mi era già successo con "Tristan e Doralice. Un amore ribelle" e ora sono contenta che le mie aspettative sulla scrittura storica di Francesca Cani - precisa, documentata e coinvolgente - siano state ancora una volta confermate.
È stato bello ritrovare un filo conduttore proprio con questo romanzo, sia da un punto di vista storico sia per la storia dei personaggi. Jonas di Holstein, infatti, è il fratello di Tristan ed è stata una bella sorpresa ritrovarlo con la sua Doralice.

Dopo la morte dell'amata moglie Liese, Jonas si trasferisce nel villaggio dei Naconidi anche perché suo figlio Andreas è il futuro erede al trono. Il vecchio re, però, in punto di morte designa proprio Jonas come suo successore, scatenando le ire del proprio figlio, Vuk, e dando il via ad una serie di complotti volti a spodestare il sassone dal trono.

Viridiana è la figlia del mercante di rame e, nonostante la giovane età, è una guaritrice molto esperta. Quando i Naconidi stringono un patto di lealtà col suo popolo, gli Abotriten, durante una festa Jonas non può fare a meno di notare quella fiamma di luce che passa tra i suoi uomini senza fermarsi, così segue la chioma fiammante di Viridiana fino ad immergersi nei suoi occhi chiari. Un incantesimo indissolubile li lega da quel momento e li fa agire come non avrebbero mai pensato.
Jonas, ad esempio, non avrebbe mai pensato di rapire una donna solo per poter ancora guardare quegli occhi che ora scintillano di odio per lui.

Chi ama prima o poi perde, solo chi mantiene l'inverno nel cuore rimane integro.
"Morirei mille volte per te, ma non chiedermi di amarti, piccola". [fonte Instagram @ramonagran]
Nella lotta per l'amore, che poi è la lotta per la vita stessa, si inserisce la guerra per la difesa della cristianità, con Goffredo di Buglione che richiama a sé i baroni a lui fedeli per la prima Crociata in Terra Santa. E oltre ad essere la figura storica tramandata nei libri, Goffredo si rivela un uomo fatto di carne e sangue, con un cuore che non può fare a meno di battere furiosamente per la passione e poi spezzarsi quando questa non viene soddisfatta.

"Jonas e Viridiana. Il cuore d'inverno" è un romanzo storico che, pur parlando attraverso la voce dei protagonisti, mi ha fatto ascoltare anche la voce dei più importanti personaggi della Storia della nostra cultura.
Merito di Francesca Cani è quello di non annoiare mai con sterili date ed episodi storici, ma di rendere ogni evento storico funzionale al romance che pure è florido all'interno della trama.
L'amore di Jonas e Viridiana, come il romance impone, ha anche una intensa rappresentazione fisica, ma le scene erotiche non sono mai eccessive, anzi, restano permeate da quella passione forte e, allo stesso tempo, raffinata che percorre tutto il romanzo.

Leggete questo libro se amate i romanzi storici che colpiscono dritto al cuore.

Commenti

  1. Grazie infinite di aver letto il mio romanzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È stato una lettura molto molto bella! ^__^

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…