Passa ai contenuti principali

Un libro può salvarti la vita?


Me lo chiedevo l'altro giorno, quando, dopo aver finito di leggere un libro, sono passata subito ad un altro.

Un libro può salvarti la vita?

Chi ama leggere, quasi sempre ha un libro che ha segnato la svolta, in qualche modo, nel suo essere lettore. Il libro che ci ha fatto innamorare della lettura, quello che ci ha riconciliato con la voglia di leggere, quello che ci ha fatto guardare il mondo con occhi nuovi.


A ben guardare nel mio percorso di lettrice appassionata/ossessiva, non riesco a richiamare alla memoria un titolo che mi abbia tirato fuori dalle tenebre dell'ignoranza.
Ricordo, però, la sorpresa - si potrebbe dire l'epifania - di fronte alla scrittura di Italo Calvino, quel colpo sordo tra il cuore e la testa quando per la prima volta ho aperto un suo libro e ho capito (o forse l'ho capito dopo ennesime riletture) che il genio risiede nella semplicità delle sue parole, che per questo contengono la potenza devastante di un uragano che spazza via tutto quello che c'era prima.
Ecco, questo lo ricordo bene.

Ma un libro può salvarti la vita? E se sì, che caratteristiche deve avere?

Non amo molto le classifiche dei pregi e dei difetti dei generi letterari che devono o no essere presenti nelle nostre biblioteche casalinghe per poterci vantare di aver letto tutto ma proprio tutto. Il mondo dei lettori è vario e meno male, aggiungerei.
Migliaia di donne hanno dichiarato di essere state folgorate da "Cinquanta sfumature di grigio" e hanno salutato la trilogia come qualcosa che le ha risvegliate dal torpore. Be', dal loro punto di vista, quei libri gli hanno salvato la vita.
Una volta ho sentito un uomo dire che le "Favole al telefono" di Gianni Rodari era l'unico libro sopravvissuto a tutte le vicende, spesso tragiche, della sua vita. Forse quel libro gli aveva salvato la vita e nemmeno lui lo sapeva.

Non c'è un libro particolare che mi fa salvato la vita, ma ci sono diversi libri che mi hanno riempito la vita, in momenti particolari e anche nella più quieta e felice quotidianità.
Sono quei libri che si sono staccati dalla trama in sé per sé per rimanere impressi nel mio cuore per le loro atmosfere, per l'accoglienza tra le loro pagine, per il conforto del ritmo impresso nero su bianco.

I libri mi hanno riempito la vita

Che a volte equivale a un salvataggio, non credete?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…