Passa ai contenuti principali

Un libro può salvarti la vita?


Me lo chiedevo l'altro giorno, quando, dopo aver finito di leggere un libro, sono passata subito ad un altro.

Un libro può salvarti la vita?

Chi ama leggere, quasi sempre ha un libro che ha segnato la svolta, in qualche modo, nel suo essere lettore. Il libro che ci ha fatto innamorare della lettura, quello che ci ha riconciliato con la voglia di leggere, quello che ci ha fatto guardare il mondo con occhi nuovi.


A ben guardare nel mio percorso di lettrice appassionata/ossessiva, non riesco a richiamare alla memoria un titolo che mi abbia tirato fuori dalle tenebre dell'ignoranza.
Ricordo, però, la sorpresa - si potrebbe dire l'epifania - di fronte alla scrittura di Italo Calvino, quel colpo sordo tra il cuore e la testa quando per la prima volta ho aperto un suo libro e ho capito (o forse l'ho capito dopo ennesime riletture) che il genio risiede nella semplicità delle sue parole, che per questo contengono la potenza devastante di un uragano che spazza via tutto quello che c'era prima.
Ecco, questo lo ricordo bene.

Ma un libro può salvarti la vita? E se sì, che caratteristiche deve avere?

Non amo molto le classifiche dei pregi e dei difetti dei generi letterari che devono o no essere presenti nelle nostre biblioteche casalinghe per poterci vantare di aver letto tutto ma proprio tutto. Il mondo dei lettori è vario e meno male, aggiungerei.
Migliaia di donne hanno dichiarato di essere state folgorate da "Cinquanta sfumature di grigio" e hanno salutato la trilogia come qualcosa che le ha risvegliate dal torpore. Be', dal loro punto di vista, quei libri gli hanno salvato la vita.
Una volta ho sentito un uomo dire che le "Favole al telefono" di Gianni Rodari era l'unico libro sopravvissuto a tutte le vicende, spesso tragiche, della sua vita. Forse quel libro gli aveva salvato la vita e nemmeno lui lo sapeva.

Non c'è un libro particolare che mi fa salvato la vita, ma ci sono diversi libri che mi hanno riempito la vita, in momenti particolari e anche nella più quieta e felice quotidianità.
Sono quei libri che si sono staccati dalla trama in sé per sé per rimanere impressi nel mio cuore per le loro atmosfere, per l'accoglienza tra le loro pagine, per il conforto del ritmo impresso nero su bianco.

I libri mi hanno riempito la vita

Che a volte equivale a un salvataggio, non credete?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …