Passa ai contenuti principali

Un libro può salvarti la vita?


Me lo chiedevo l'altro giorno, quando, dopo aver finito di leggere un libro, sono passata subito ad un altro.

Un libro può salvarti la vita?

Chi ama leggere, quasi sempre ha un libro che ha segnato la svolta, in qualche modo, nel suo essere lettore. Il libro che ci ha fatto innamorare della lettura, quello che ci ha riconciliato con la voglia di leggere, quello che ci ha fatto guardare il mondo con occhi nuovi.


A ben guardare nel mio percorso di lettrice appassionata/ossessiva, non riesco a richiamare alla memoria un titolo che mi abbia tirato fuori dalle tenebre dell'ignoranza.
Ricordo, però, la sorpresa - si potrebbe dire l'epifania - di fronte alla scrittura di Italo Calvino, quel colpo sordo tra il cuore e la testa quando per la prima volta ho aperto un suo libro e ho capito (o forse l'ho capito dopo ennesime riletture) che il genio risiede nella semplicità delle sue parole, che per questo contengono la potenza devastante di un uragano che spazza via tutto quello che c'era prima.
Ecco, questo lo ricordo bene.

Ma un libro può salvarti la vita? E se sì, che caratteristiche deve avere?

Non amo molto le classifiche dei pregi e dei difetti dei generi letterari che devono o no essere presenti nelle nostre biblioteche casalinghe per poterci vantare di aver letto tutto ma proprio tutto. Il mondo dei lettori è vario e meno male, aggiungerei.
Migliaia di donne hanno dichiarato di essere state folgorate da "Cinquanta sfumature di grigio" e hanno salutato la trilogia come qualcosa che le ha risvegliate dal torpore. Be', dal loro punto di vista, quei libri gli hanno salvato la vita.
Una volta ho sentito un uomo dire che le "Favole al telefono" di Gianni Rodari era l'unico libro sopravvissuto a tutte le vicende, spesso tragiche, della sua vita. Forse quel libro gli aveva salvato la vita e nemmeno lui lo sapeva.

Non c'è un libro particolare che mi fa salvato la vita, ma ci sono diversi libri che mi hanno riempito la vita, in momenti particolari e anche nella più quieta e felice quotidianità.
Sono quei libri che si sono staccati dalla trama in sé per sé per rimanere impressi nel mio cuore per le loro atmosfere, per l'accoglienza tra le loro pagine, per il conforto del ritmo impresso nero su bianco.

I libri mi hanno riempito la vita

Che a volte equivale a un salvataggio, non credete?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…