Passa ai contenuti principali

Un amore di inizio secolo. Di nuovo insieme di Viviana Giorgi


Ken Benton è un uomo molto determinato, nella sua banca come nell'amore. Quando scende dal transatlantico che lo ha portato dall'America all'Inghilterra, non riesce a togliersi dalla testa la bella e misteriosa bibliotecaria di bordo, Priscilla Talbott, che è sparita non appena messo piede a terra.
Per questo assume un investigatore, che ben presto scopre che lei altri non è se non Lady Priscilla Alberly, figlia di un nobile inglese dalle mani bucate e moglie di un senatore americano molto più vecchio di lei.

Dopo "La traversata. Un amore di inizio secolo", tornano i personaggi di Viviana Giorgi in "Un amore di inizio secolo. Di nuovo insieme" [Emma Books] dove finalmente conosceremo lo svolgimento e la lieta conclusione di questa storia d'amore d'altri tempi.

Tra Ken e Priscilla ci sono scintille fin dal primo sguardo ma, una volta arrivati in Inghilterra, le regole della società e i mille ostacoli che il destino mette sulla loro strada, rischiano di allontanarli per sempre. Come la tradizione del romance prevede, ogni problema ha la sua soluzione e ogni cattivo ha la sua giusta punizione, ma è il modo in cui tutto ciò avviene a fare la differenza tra un libro buono e uno mediocre. 
E questa è una storia scritta in maniera magistrale, così come Viviana Giorgi ci ha abituati secondo il suo stile.

Ogni più piccolo dettaglio di questo romance è cesellato al fine di creare l'atmosfera perfetta per il periodo storico in cui è ambientato e i personaggi che abbiamo già imparato ad amare nel preludio della traversata non fanno che confermare la loro profondità. Oltre ai protagonisti principali, io ho adorato lo spirito ironico e pungente - il wit della tradizione letteraria inglese - della duchessa madrina, tanto che ho sempre sperato, leggendo, che ogni sua apparizione durasse un po' di più.

I romance storici di Viviana Giorgi non deludono mai e lasciano in bocca il sapore delizioso di un'epoca in cui vorremmo immergerci senza sosta.





Commenti

  1. Grazie Ramona per questa deliziosa recensione. Sono felice, al di là delle belle parole che mi rivolgi, che il romanzo sia piaciuto a te, non come blogger ma come amica. È la cosa a cui tengo di più.
    Ti abbraccio
    Viviana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Viviana! Come blogger e come amica, adoro le tue atmosfere e i tuoi personaggi. Le mie recensioni sono veritiere. E come amica, lo consiglio a tutte le lettrici come me! ❤️

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …