Passa ai contenuti principali

Un amore di inizio secolo. Di nuovo insieme di Viviana Giorgi


Ken Benton è un uomo molto determinato, nella sua banca come nell'amore. Quando scende dal transatlantico che lo ha portato dall'America all'Inghilterra, non riesce a togliersi dalla testa la bella e misteriosa bibliotecaria di bordo, Priscilla Talbott, che è sparita non appena messo piede a terra.
Per questo assume un investigatore, che ben presto scopre che lei altri non è se non Lady Priscilla Alberly, figlia di un nobile inglese dalle mani bucate e moglie di un senatore americano molto più vecchio di lei.

Dopo "La traversata. Un amore di inizio secolo", tornano i personaggi di Viviana Giorgi in "Un amore di inizio secolo. Di nuovo insieme" [Emma Books] dove finalmente conosceremo lo svolgimento e la lieta conclusione di questa storia d'amore d'altri tempi.

Tra Ken e Priscilla ci sono scintille fin dal primo sguardo ma, una volta arrivati in Inghilterra, le regole della società e i mille ostacoli che il destino mette sulla loro strada, rischiano di allontanarli per sempre. Come la tradizione del romance prevede, ogni problema ha la sua soluzione e ogni cattivo ha la sua giusta punizione, ma è il modo in cui tutto ciò avviene a fare la differenza tra un libro buono e uno mediocre. 
E questa è una storia scritta in maniera magistrale, così come Viviana Giorgi ci ha abituati secondo il suo stile.

Ogni più piccolo dettaglio di questo romance è cesellato al fine di creare l'atmosfera perfetta per il periodo storico in cui è ambientato e i personaggi che abbiamo già imparato ad amare nel preludio della traversata non fanno che confermare la loro profondità. Oltre ai protagonisti principali, io ho adorato lo spirito ironico e pungente - il wit della tradizione letteraria inglese - della duchessa madrina, tanto che ho sempre sperato, leggendo, che ogni sua apparizione durasse un po' di più.

I romance storici di Viviana Giorgi non deludono mai e lasciano in bocca il sapore delizioso di un'epoca in cui vorremmo immergerci senza sosta.





Commenti

  1. Grazie Ramona per questa deliziosa recensione. Sono felice, al di là delle belle parole che mi rivolgi, che il romanzo sia piaciuto a te, non come blogger ma come amica. È la cosa a cui tengo di più.
    Ti abbraccio
    Viviana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Viviana! Come blogger e come amica, adoro le tue atmosfere e i tuoi personaggi. Le mie recensioni sono veritiere. E come amica, lo consiglio a tutte le lettrici come me! ❤️

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…