Passa ai contenuti principali

Nei tuoi occhi nel mio cuore di Lavinia L. Marchiotti


Può un libro su una donna con una figlia adolescente a carico, in piena crisi col compagno e col lavoro, possedere di questi tempi, dove si è scritto ormai di tutto su tutto, una ventata di freschezza?
Avrei risposto di no e anche con una certa sicurezza se non avessi letto "Nei tuoi occhi nel mio cuore" di Lavinia L. Marchiotti [Piemme].

Letizia è una donna complicata ma è anche vero che la vita che fa non è così semplice: ha una figlia di sedici anni, Susanna, e già questo di per sé sarebbe sufficiente, se non fosse che il suo ex marito, Marco, continua a dare prova di inaffidabilità e il suo attuale compagno, Giacomo, è diventato improvvisamente un fantasma nella loro casa. E il lavoro? "Bene, grazie" potrebbe rispondere almeno questo Letizia e invece l'impiego nella produzione di maioliche non le dà più la giusta spinta per uscire dal letto la mattina.
Come accade a volte nella vita, così nella storia c'è un punto di rottura, tutto sembra stravolgersi allo stesso momento: Susanna viene lasciata dal fidanzatino e sale sulle montagne russe degli stati d'animo adolescenziali, le amiche di sempre assumono sfumature inaspettate, Letizia scopre il motivo della latitanza di Giacomo e capisce che la sua vita deve avere una svolta.

Tutto diventa nitido: sono al momento in cui o mi riscatto o giaccio per sempre, con il grave rischio di rotolare giù per la rampa che attira verso il prossimo pianerottolo su cui starò a giacere.

Lavinia L. Marchiotti è lo pseudonimo con cui, per questo romanzo, si è firmata una nota scrittrice italiana e, in effetti, si nota la familiarità con il mestiere della scrittura: anche i passaggi che potrebbero risultare più pesanti per gli argomenti e per lo svolgimento della trama, sono brillantemente superati e, anzi, donano verve a tutto il racconto.

Ho apprezzato il finale non troppo scontato - o almeno, non scontato in tutte le sue parti -, fedele alla storia che rispecchia i dubbi e gli imprevisti di una donna dei nostri tempi.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…