Passa ai contenuti principali

Nei tuoi occhi nel mio cuore di Lavinia L. Marchiotti


Può un libro su una donna con una figlia adolescente a carico, in piena crisi col compagno e col lavoro, possedere di questi tempi, dove si è scritto ormai di tutto su tutto, una ventata di freschezza?
Avrei risposto di no e anche con una certa sicurezza se non avessi letto "Nei tuoi occhi nel mio cuore" di Lavinia L. Marchiotti [Piemme].

Letizia è una donna complicata ma è anche vero che la vita che fa non è così semplice: ha una figlia di sedici anni, Susanna, e già questo di per sé sarebbe sufficiente, se non fosse che il suo ex marito, Marco, continua a dare prova di inaffidabilità e il suo attuale compagno, Giacomo, è diventato improvvisamente un fantasma nella loro casa. E il lavoro? "Bene, grazie" potrebbe rispondere almeno questo Letizia e invece l'impiego nella produzione di maioliche non le dà più la giusta spinta per uscire dal letto la mattina.
Come accade a volte nella vita, così nella storia c'è un punto di rottura, tutto sembra stravolgersi allo stesso momento: Susanna viene lasciata dal fidanzatino e sale sulle montagne russe degli stati d'animo adolescenziali, le amiche di sempre assumono sfumature inaspettate, Letizia scopre il motivo della latitanza di Giacomo e capisce che la sua vita deve avere una svolta.

Tutto diventa nitido: sono al momento in cui o mi riscatto o giaccio per sempre, con il grave rischio di rotolare giù per la rampa che attira verso il prossimo pianerottolo su cui starò a giacere.

Lavinia L. Marchiotti è lo pseudonimo con cui, per questo romanzo, si è firmata una nota scrittrice italiana e, in effetti, si nota la familiarità con il mestiere della scrittura: anche i passaggi che potrebbero risultare più pesanti per gli argomenti e per lo svolgimento della trama, sono brillantemente superati e, anzi, donano verve a tutto il racconto.

Ho apprezzato il finale non troppo scontato - o almeno, non scontato in tutte le sue parti -, fedele alla storia che rispecchia i dubbi e gli imprevisti di una donna dei nostri tempi.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…