Passa ai contenuti principali

San Gabriele di Federico Garcia Lorca


A Don Agustin Viñuales

Un bel ragazzo di giunco,
vita snella, larghe spalle,
pelle di notturna mela,
bocca triste e occhi grandi,
fibra d'argento rovente,
va per le deserte strade.
Le sue scarpe di vernice
rompono il vento di dalie,
con i due ritmi che cantano
brevi lutti celestiali.
Nessuna palma gli è pari
lungo la riva del mare,
né sovrano incoronato
né sole o stella vagante.
Quando la testa reclina
sopra il suo petto di diaspro,
la notte cerca pianure
perché vuole inginocchiarsi.
Chitarre suonano sole
per San Gabriele Arcangelo,
domatore di colombe
e antagonista dei salici.
San Gabriele: il bimbo piange
dentro il ventre della madre.
Non scordare che i gitani
ti hanno regalato l'abito.
il bimbo canta nel seno
di Anunciacion sbalordita.
Tre chicche, mandorle verdi,
tremano nella vocina.
San Gabriele ormai nell'aria
con una scala saliva.
E le stelle della notte
divennero semprevivi.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…