Passa ai contenuti principali

A galla di Alessandro Toso


In Italia non si può parlare di lavoro, se non si parla di crisi.
Non si può parlare di famiglia, se non si parla di crisi.
In Italia non si può parlare di vita, se non si parla di crisi.

L'unico argomento che non manca mai nei discorsi - istituzionali e da bar - è la crisi che, a ben guardare, ha il permesso di comparire come scusa e come giustificazione dappertutto, annullando di fatto qualsiasi altra cosa.

Come si vive in tempo di crisi?
Ci si tiene a galla, ma, alla fine, non è sicuro che si stia vivendo davvero.
I personaggi del romanzo di Alessandro Toso "A galla", edito da Scrittura & Scritture, galleggiano nel mare immenso della crisi, cercando di tenere a galla loro stessi, le famiglie, la società che li ospita e tutti quelli che stanno attorno.

Renato Pappalardi è il titolare della Technobitum, un'azienda veneta che, nonostante la crisi, resta a galla. Così sembra, almeno. Renato è uno squalo e, sebbene cerchi di nasconderlo dietro alla cortesia e ad un sorriso da venditore nato, si vede, si sente. Lui è sicuro che resterà sempre a galla.
Gianluca Meneghin è il direttore commerciale dell'azienda, nato e cresciuto a Castello d'Arquà dove ha messo su famiglia. È troppo intelligente per non rendersi conto che qualcosa, nel quadro idilliaco dipinto da Pappalardi, non funziona. Non vuole credere che non possa continuare a stare a galla.
Franchino Garritano è un operaio della Technobitum. È forte quanto può essere forte l'onestà e il lavoro che manda avanti la famiglia e la vita. Rimanere a galla è la sua sola possibilità.

"A galla" è un romanzo corale, in quanto tra le sue pagine trovano spazio tutte le voci di una società che cerca di sopravvivere agli imprevisti della crisi.
Pappalardi, Meneghin e Garritano sono le chiavi di una cassaforte che custodisce la sopravvivenza non solo dell'azienda ma di tutte le persone che ci lavorano. Ognuno ha il suo ruolo e ognuno ha la soluzione per sovrastare le onde dell'immenso crollo finanziario che ha investito la nostra nazione e che ha toccato tutti, anche quelle realtà che si illudono di esserne immuni.

Gli uomini di "A galla" cercano di non far affondare la barca ma sono le donne, con qualche colpo al timone, a decidere di non subire passivamente gli eventi: la moglie di Pappalardi, Ginevra, e la figlia, Giulia, mettono il loro zampino affinché gli eventi precipitino; la moglie di Franchino, col suo muto supporto, appoggia ogni decisione di suo marito e lo rende ancora più forte e deciso.

Alessandro Toso firma un romanzo in cui la scrittura detta perfettamente il ritmo delle situazioni descritte, dalla calma noia di Ginevra al frenetico precipitare degli eventi, in un crescendo che conduce al climax da brivido.
Alla fine, al lettore resta una profonda e dolorosa riflessione sui valori della società moderna che, al di là dei cliché, annegano e toccano il fondo senza avere la forza di risalire.

Leggete "A galla" se avete voglia di conoscere il volto stanco che sta dietro le quinte delle notizie di cronaca sulla tanto discussa crisi.
Perché, sarà pure vero che non si può parlare di lavoro in Italia se non si parla di crisi, ma è altrettanto vero che non si può parlare di crisi se non si parla di uomini, donne e famiglie che lottano e soffrono. Per rimanere a galla, sì. A galla.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…