Passa ai contenuti principali

Le dimensioni del cuore contano


C'è chi dice che sotto pressione si dà il meglio, che è allora che escono fuori le belle persone.

Io dico che l'umanità dà il suo meglio e il suo peggio nei piccoli e grandi drammi della vita.

Che sia un'anziana da aiutare ad attraversare la strada o un essere umano al gradino più basso del bisogno e della tristezza, chi ha un grande cuore, lo dimostra in entrambi i casi.
I pusillanimi - sì, quelli - si incontrano, purtroppo, nelle loro espletazioni ad ogni livello di dramma.

Questa estate, che sembrava scorrere nel solito caldo e nella tanto attesa lentezza, ha subito all'improvviso un'impennata di tensione e tristezza.
Non ho intenzione di parlare dei fatti del giorno - questo blog non è qui per questo -, ci sono le drammatiche cronache sotto ai nostri occhi dappertutto da qualche giorno apposta per questo.

Il mio pensiero si è più volte soffermato, in questi giorni, sulla grandezza umana e, di conseguenza, sulla sua piccolezza. 
E non intendo con questo sottolineare la piccolezza dell'uomo di fronte alla Natura, perché, in fondo, chi ha bisogno di sentirsi dire ovvietà sui drammi più neri?

Se è vero che le dimensioni non contano, quando parliamo di cuore contano, eccome!

È questo il pensiero che mi ha colto più volte, mentre ero a casa a leggere e, poi più tardi, in tram, e ancora in un altro momento, mentre per strada mi facevo spazio tra la folla del mercato.
È ipocrisia, a parer mio, il mostrarsi nell'atto di fare beneficenza o la foto di una benevolenza verso il prossimo costruita a uso e consumo dei social network.
È ipocrisia salire sul carro delle grandi tragedie anche solo condividendo gli appelli alle donazioni e poi, nelle realtà più piccole, meno mediatiche, sicuramente più private, mostrare tutta la piccolezza del proprio animo.
Conta davvero poco spendere parole per ogni sconosciuto in difficoltà e poi non tendere una mano ad un amico, non credete?

La grandezza di un gesto, piccolo o grande che sia in fine, resta sempre una scintilla nel buio della disperazione di qualcun altro, un piccolo petardo scoppiato per festeggiare la speranza.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Novembre dorato

L'autunno è arrivato tardi ma poi è esploso in tutti i colori che lo caratterizzano. Passeggiando con mia figlia nel bosco che abbiamo sotto casa, su sentieri di foglie dorate, mi sono ricordata che quando ero piccola il mio colore preferito era il giallo. Come erano i miei capelli, come un prendisole che mi aveva cucito mia zia con i bottoncini a forma di matitine gialle, come tutte le cose che sceglievo liberamente. Giallo. Chissà perché lo avevo dimenticato.
Ho cucinato, per quanto mi fosse possibile, piatti che richiamassero l'autunno: risotti ai funghi (mai buoni come quelli che fa mio marito, ma tant'è), zuppe di zucca, arrosti. Non so perché, ma ogni volta che mi sono trovata a fare la spesa, mi è sembrato di avere sotto il naso l'odore del bosco e l'ho seguito finché non ho saputo di essere nel posto giusto.
Ho letto e ho scritto ma non nella misura che mi è sembrato sufficiente, né dell'una né dell'altra cosa. Sia della lettura che della scrittura…

Novità: Il Club delle Pigiamiste di Giulia Binazzi e Chiara Leonardi

Il Club delle Pigiamiste Giulia Binazzi (testi) e Chiara Leonardi (illustrazioni) A40annivieneilbello Edizioni

Pigiamisti non si diventa, pigiamisti si è!
Quando ancora tutti dormono, apre il Club delle Pigiamiste. Le due protagoniste, nonché fondatrici del Club, Alice e Caterina, si trovano a dover gestire una richiesta sospetta di ingresso al Club da parte di un nuovo inquilino del palazzo. Solo il Grande Consiglio Mondiale delle Pigiamiste potrà aiutarle a sciogliere il dilemma: sarà un vero pigiamista?
Una storia divertente e leggera, che farà venire voglia ai più piccoli di ributtarsi sotto le coperte e iniziare una delle mille avventure nella propria camera da letto, in un luogo intimo e protetto in cui la fantasia può sbocciare, in cui uno scatolone diventa una macchina per raggiungere il sole, un tavolo può diventare magicamente un palcoscenico sul quale esibirsi e una coperta un mare gremito di stelle marine. Le bambine e i bambini si riconosceranno nell'atmosfera di casa …