Passa ai contenuti principali

Le dimensioni del cuore contano


C'è chi dice che sotto pressione si dà il meglio, che è allora che escono fuori le belle persone.

Io dico che l'umanità dà il suo meglio e il suo peggio nei piccoli e grandi drammi della vita.

Che sia un'anziana da aiutare ad attraversare la strada o un essere umano al gradino più basso del bisogno e della tristezza, chi ha un grande cuore, lo dimostra in entrambi i casi.
I pusillanimi - sì, quelli - si incontrano, purtroppo, nelle loro espletazioni ad ogni livello di dramma.

Questa estate, che sembrava scorrere nel solito caldo e nella tanto attesa lentezza, ha subito all'improvviso un'impennata di tensione e tristezza.
Non ho intenzione di parlare dei fatti del giorno - questo blog non è qui per questo -, ci sono le drammatiche cronache sotto ai nostri occhi dappertutto da qualche giorno apposta per questo.

Il mio pensiero si è più volte soffermato, in questi giorni, sulla grandezza umana e, di conseguenza, sulla sua piccolezza. 
E non intendo con questo sottolineare la piccolezza dell'uomo di fronte alla Natura, perché, in fondo, chi ha bisogno di sentirsi dire ovvietà sui drammi più neri?

Se è vero che le dimensioni non contano, quando parliamo di cuore contano, eccome!

È questo il pensiero che mi ha colto più volte, mentre ero a casa a leggere e, poi più tardi, in tram, e ancora in un altro momento, mentre per strada mi facevo spazio tra la folla del mercato.
È ipocrisia, a parer mio, il mostrarsi nell'atto di fare beneficenza o la foto di una benevolenza verso il prossimo costruita a uso e consumo dei social network.
È ipocrisia salire sul carro delle grandi tragedie anche solo condividendo gli appelli alle donazioni e poi, nelle realtà più piccole, meno mediatiche, sicuramente più private, mostrare tutta la piccolezza del proprio animo.
Conta davvero poco spendere parole per ogni sconosciuto in difficoltà e poi non tendere una mano ad un amico, non credete?

La grandezza di un gesto, piccolo o grande che sia in fine, resta sempre una scintilla nel buio della disperazione di qualcun altro, un piccolo petardo scoppiato per festeggiare la speranza.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…