Passa ai contenuti principali

Le dimensioni del cuore contano


C'è chi dice che sotto pressione si dà il meglio, che è allora che escono fuori le belle persone.

Io dico che l'umanità dà il suo meglio e il suo peggio nei piccoli e grandi drammi della vita.

Che sia un'anziana da aiutare ad attraversare la strada o un essere umano al gradino più basso del bisogno e della tristezza, chi ha un grande cuore, lo dimostra in entrambi i casi.
I pusillanimi - sì, quelli - si incontrano, purtroppo, nelle loro espletazioni ad ogni livello di dramma.

Questa estate, che sembrava scorrere nel solito caldo e nella tanto attesa lentezza, ha subito all'improvviso un'impennata di tensione e tristezza.
Non ho intenzione di parlare dei fatti del giorno - questo blog non è qui per questo -, ci sono le drammatiche cronache sotto ai nostri occhi dappertutto da qualche giorno apposta per questo.

Il mio pensiero si è più volte soffermato, in questi giorni, sulla grandezza umana e, di conseguenza, sulla sua piccolezza. 
E non intendo con questo sottolineare la piccolezza dell'uomo di fronte alla Natura, perché, in fondo, chi ha bisogno di sentirsi dire ovvietà sui drammi più neri?

Se è vero che le dimensioni non contano, quando parliamo di cuore contano, eccome!

È questo il pensiero che mi ha colto più volte, mentre ero a casa a leggere e, poi più tardi, in tram, e ancora in un altro momento, mentre per strada mi facevo spazio tra la folla del mercato.
È ipocrisia, a parer mio, il mostrarsi nell'atto di fare beneficenza o la foto di una benevolenza verso il prossimo costruita a uso e consumo dei social network.
È ipocrisia salire sul carro delle grandi tragedie anche solo condividendo gli appelli alle donazioni e poi, nelle realtà più piccole, meno mediatiche, sicuramente più private, mostrare tutta la piccolezza del proprio animo.
Conta davvero poco spendere parole per ogni sconosciuto in difficoltà e poi non tendere una mano ad un amico, non credete?

La grandezza di un gesto, piccolo o grande che sia in fine, resta sempre una scintilla nel buio della disperazione di qualcun altro, un piccolo petardo scoppiato per festeggiare la speranza.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…