Passa ai contenuti principali

La ragazza del treno di Paula Hawkins


Un libro può dare i brividi? Può trasmettere una tale tensione da sentirsi quasi assediati?
C'è una sola risposta: se è un buon libro, sì.

Un buon libro, un libro scritto bene, è capace di prendere il lettore e catapultarlo in qualsiasi posto è ambientato, che sia la prigione di Alcatraz, un fiordo in Islanda o un bungalow ai Caraibi.
Un buon libro è in grado di far sentire al lettore i pensieri che passano nella testa dei protagonisti, che siano killer psicopatici, anziani sull'orlo della fine o donne sole e depresse.
Un libro scritto bene può farvi salire su un treno che ogni giorno parte dalla periferia inglese per arrivare nella metropoli, a Londra, e riesce a farvi sentire il disagio di una donna, Rachel, che vi sale ogni giorno con una metà ben precisa.

"La ragazza del treno" di Paula Hawkins [Piemme] è stato il caso letterario della scorsa estate - al  vertice della classifica dei bestseller del New York Times per 13 settimane - e, benché mi abbia sempre incuriosito, non mi sembrava mai il momento adatto per leggerlo. Finora, almeno.

In breve, mi sono trovata sullo stesso treno di Rachel Watson, 32 anni, seri problemi di alcolismo e ansia, con la testa girata verso lo stesso finestrino dietro cui scorrono le case e le vite degli abitanti delle periferie di Londra. Come fotogrammi troppo veloci per poterne afferrare i dettagli, le case scorrono davanti agli occhi di Rachel - e miei - fino a rallentare fatalmente nei pressi di un giardino sul retro di una casa, con una terrazza su cui una coppia ogni giorno fa colazione. Ogni giorno, tranne uno.

Il thriller psicologico si fonda, a parer mio, sull'immaginare quello che potrebbe essere successo e non è mai un'immaginazione felice, credete a me. Così, la mente di Rachel - e del lettore, la mia - parte alla ricerca di tutte le ipotesi possibili sia per l'interessamento della ragazza per quella casa e per quella coppia in particolare, sia per la sparizione della donna.
Sì, perché qualche giorno dopo Rachel vede sul giornale l'annuncio di sparizione proprio della donna che lei osservava ogni giorno dal treno ed è lì che anche noi iniziamo ad ipotizzare che forse, tra Rachel e le immagini che scorrono non c'è un vero e proprio vetro divisorio.

Fino alla fine, questo libro vi incatena alla trama a doppia mandata, perché non volete credere che sia possibile quello che ha tutte le caratteristiche per essere possibile, e perché volete scoprire la falla che vi farà giungere alla soluzione prima che Paula Hawkins ve la riveli nero su bianco.

Capisco perfettamente perché "La ragazza del treno" non solo è stato un caso letterario, ma è diventato la pietra di paragone per altri libri dello stesso genere che sono stati pubblicati in seguito.
Il successo meritato di questo libro mi spinge a chiedermi perché l'autrice non sia ancora uscita con un nuovo testo, ma in quel successo - e nell'aspettativa che poi si è creata attorno - c'è anche la risposta a questa lunga attesa.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…