Passa ai contenuti principali

Chi ha bisogno di groupie nella vita?


Con il termine groupie si sono identificate, a partire dagli anni Sessanta, le ragazze che accompagnavano le rockstar in gran parte delle loro tournée, assecondandone con entusiasmo la vita sregolata e le sfrenatezze sessuali, e divenendo quindi vere e proprie componenti del loro entourage [Wikipedia]. 
Le rockstar hanno le groupie. O almeno, le rockstar degne di questo nome.
Ne hanno bisogno, le rockstar, di qualcuno che confermi continuamente quanto siano famose, quanto non debbano chiedere mai.

E poi ci sono quelli che, pur non sapendo suonare nemmeno una nota, salgono sul palco della propria vita solo se sotto ci sono le proprie groupie.
Amicizie e conoscenze, colleghi e colleghe, la mamma dell'amica della collega e la cugina del ragazzo  del benzinaio sotto casa, il ragazzo del bar che porta il caffè e che ha chiesto l'amicizia su Facebook- che fai, non l'accetti?! -, la zia della ragazza del terzo piano. Tutti. Tutti a supporto sui social.
Basta la foto del cane che fa la cacca sul divano - "birichino", "ma come gli vengono in mente?!", "ti sei preso/a il cane come te!" (Sic!) - o della colazione con una fetta biscottata grigia su un tavolo macchiato, ed ecco l'orda di groupie mediatiche che si scatenano con valanghe di like e commenti.

L'apoteosi sfiora l'isterismo di like con le foto dei bambini.
Pure se nella foto ha la stessa smorfia sdentata e poco simpatica del campanaro di Notre Dame, niente. Dagli 80 ai 120 like.
E come si possono definire tali consensi di massa se non groupismo? 
Poco importa che nella vita l'autore/autrice della foto sia il/la più grande stronzo/a e che per strada non saluti nessuno - forte dei 150like anche per la carta igienica che ha pubblicato-, le foto vanno omaggiate. E questo omaggio va oltre gli impegni lavorativi o personali, quegli stessi impellenti fatiche che usano come scusa con chiunque faccia loro notare che non rispondono ai messaggi o non partecipano agli eventi. "Ma io non sto mai su Facebook/ Instagram/ Whatsapp!!!" è la frase che accompagna lo sguardo che si appoggia accusatore su chi ha osato immaginare che magari, oltre a commentare e approvare ogni insulsaggine della star mediatica, potrebbero pure degnarsi di fare qualcos'altro.

I fenomeni sociali sui social sono la cosa che più mi incuriosisce, soprattutto quando riguardano le persone che conosco - o conoscevo - anche nella vita reale.
Quelle persone che, se sono passate dal presente al passato, in alcuni casi, è stato proprio a causa del loro atteggiamento sui social che si è proiettato, stranamente, anche nella vita fuori.

È stato quello il loro errore: relegare l'interesse verso le persone esclusivamente al groupismo più ignorante e tutto il resto non esiste più.
Non posso che augurarvi che la vostra vita sociale sia solo quella che appare sui social.
Ben poca cosa, a parer mio, rispetto alla bellezza della vita vera.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…