Passa ai contenuti principali

Chi ha bisogno di groupie nella vita?


Con il termine groupie si sono identificate, a partire dagli anni Sessanta, le ragazze che accompagnavano le rockstar in gran parte delle loro tournée, assecondandone con entusiasmo la vita sregolata e le sfrenatezze sessuali, e divenendo quindi vere e proprie componenti del loro entourage [Wikipedia]. 
Le rockstar hanno le groupie. O almeno, le rockstar degne di questo nome.
Ne hanno bisogno, le rockstar, di qualcuno che confermi continuamente quanto siano famose, quanto non debbano chiedere mai.

E poi ci sono quelli che, pur non sapendo suonare nemmeno una nota, salgono sul palco della propria vita solo se sotto ci sono le proprie groupie.
Amicizie e conoscenze, colleghi e colleghe, la mamma dell'amica della collega e la cugina del ragazzo  del benzinaio sotto casa, il ragazzo del bar che porta il caffè e che ha chiesto l'amicizia su Facebook- che fai, non l'accetti?! -, la zia della ragazza del terzo piano. Tutti. Tutti a supporto sui social.
Basta la foto del cane che fa la cacca sul divano - "birichino", "ma come gli vengono in mente?!", "ti sei preso/a il cane come te!" (Sic!) - o della colazione con una fetta biscottata grigia su un tavolo macchiato, ed ecco l'orda di groupie mediatiche che si scatenano con valanghe di like e commenti.

L'apoteosi sfiora l'isterismo di like con le foto dei bambini.
Pure se nella foto ha la stessa smorfia sdentata e poco simpatica del campanaro di Notre Dame, niente. Dagli 80 ai 120 like.
E come si possono definire tali consensi di massa se non groupismo? 
Poco importa che nella vita l'autore/autrice della foto sia il/la più grande stronzo/a e che per strada non saluti nessuno - forte dei 150like anche per la carta igienica che ha pubblicato-, le foto vanno omaggiate. E questo omaggio va oltre gli impegni lavorativi o personali, quegli stessi impellenti fatiche che usano come scusa con chiunque faccia loro notare che non rispondono ai messaggi o non partecipano agli eventi. "Ma io non sto mai su Facebook/ Instagram/ Whatsapp!!!" è la frase che accompagna lo sguardo che si appoggia accusatore su chi ha osato immaginare che magari, oltre a commentare e approvare ogni insulsaggine della star mediatica, potrebbero pure degnarsi di fare qualcos'altro.

I fenomeni sociali sui social sono la cosa che più mi incuriosisce, soprattutto quando riguardano le persone che conosco - o conoscevo - anche nella vita reale.
Quelle persone che, se sono passate dal presente al passato, in alcuni casi, è stato proprio a causa del loro atteggiamento sui social che si è proiettato, stranamente, anche nella vita fuori.

È stato quello il loro errore: relegare l'interesse verso le persone esclusivamente al groupismo più ignorante e tutto il resto non esiste più.
Non posso che augurarvi che la vostra vita sociale sia solo quella che appare sui social.
Ben poca cosa, a parer mio, rispetto alla bellezza della vita vera.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …