Passa ai contenuti principali

Segnalazione: Briciole d'amore di Susanna Scandella


Susanna Scandella
€ 1.99

Trama

«All’amore non bastano le briciole, ma sono fondamentali. Se mancassero quelle, in mezzo a tutto il resto, allora non sarebbe vero amore».

Quando si chiude una porta si apre un portone. Ed è esattamente ciò che succede a Lilian 'OFarley. Dopo essere stata intrappolata in un amore malato per troppi anni, alza finalmente la testa e ricomincia a respirare. Ma per poter essere così felice, che cosa ha dovuto sopportare?
La relazione con David non era reale, era a senso unico. Quando lui supera per l'ennesima volta il limite, lei viene spezzata, distrutta, dilaniata. Lilian riesce a fuggire e decide di farsi aiutare: reagire diventa la parola d'ordine, quando il buio minaccia di soffocarla. Pian piano la sua vita riprende a scorrere. Una nuova Lilian, un nuovo lavoro, un nuovo amore. Evan riesce a dissipare l'oscurità nel suo cuore, la sostiene, la protegge, la ama. La realtà è più bella di qualunque desiderio abbia mai espresso. Somiglia a un romanzo, quel romanzo che lei così tanto ama: Orgoglio e pregiudizio.
Ma David non si arrende e rientra prepotentemente nella sua vita, cercando di strapparle anche le ultime briciole d'amore. Quando il passato busserà alla porta, la vendetta la travolgerà definitivamente o segnerà la fine della sua agonia? Lilian riuscirà a non farsi più sopraffare dall'uomo che le ha rovinato l'esistenza? Una storia che parla d'amore e di rivincita. Briciole d'amore affronta realtà quotidiane che perpetrano silenti, annientando anima e corpo di molte donne, derubandole della speranza.

Briciole d'amore è un omaggio a loro. A tutte le Lilian.

L'autrice

Susanna Scandella è nata a Como nel 1990 ed è mamma di una splendida bambina. Ha sempre avuto la passione per la lettura e, quando ha deciso di provare a scrivere, ha trovato la strada dei suoi sogni, potendo fare ciò che ama di più rimanendo accanto a sua figlia.
Link per contattare l'autrice, pagina facebook di Susanna Scandella.
Mail: susy945@hotmail.it

da Briciole d'amore
«Sto semplicemente cercando di capirti».
«Non è più bello scoprirci giorno dopo giorno?».
Fingo di pensarci su. «Per niente» affermo convinta.
«Davvero?»
«Certo. Penso che se le persone girassero con indosso un cartello su cui sono svelati tutti i loro segreti, il loro stato d’animo e il loro carattere, i rapporti umani sarebbero molto più facili. Non si potrebbe mentire, non si potrebbe soffrire».
«Lo sai che è una sciocchezza, vero?»
«Non lo è. Lo penso seriamente. Il mondo sarebbe migliore. Vedi una persona, leggi il cartello e decidi se fa per te o meno. Nessuna possibilità di sbagliare».
«Ma la fiducia dove la metti? Se sapessi già tutto in principio, anche se secondo me non sarebbe fattibile, la fiducia che fine farebbe?»
«Quindi secondo te è meglio affidarsi a un completo estraneo, senza avere alcuna protezione, col rischio di soffrire a portata di mano?»
Evan mi sorride dolcemente, poi si morde il labbro prima di rispondermi. «Si chiama amore, Lily» dice semplicemente, alzando le spalle. «Nessuno dice che è semplice o che non ci sia il rischio di soffrire» continua, «la differenza la fa la persona giusta, quando la si incontra. All’amore non bastano le briciole, vuole il panino intero».

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …