Passa ai contenuti principali

D'amore si muore ma io no di Guido Catalano


Leggere poesia, oggi, sembra essere sempre più complicato.
Per la poesia ci vuole il momento giusto, lo stato d'animo adatto, per quanto mi riguarda anche la luce perfetta, altrimenti non si compenetra nel sentire del poeta e le sue parole diventano vuote.

La poesia oggi sembra essere la sorella minore e un po' timida dei libri che affollano gli scaffali delle grandi vendite in librerie, la sorella nerd, quella che ha tanto da dire ma pochi le prestano la giusta attenzione.

Eppure, per quanto possibile, ho sempre cercato di mantenere le orecchie ben aperte per captare le voci dei poeti, qualora si fossero presentate e, finora, ne è sempre valsa la pena.

Non ricordo esattamente come sono arrivata a conoscere Guido Catalano, ma dal leggere i suoi post su Facebook al leggere i suoi post alle persone che mi stanno attorno, il passo è stato breve. 

***vi dico solo che quando al Salone del Libro di Torino l'ho incrociato di persona, ho stretto il braccio a mio marito e ho esclamato: "È lui! È lui il poeta di cui ti leggo sempre le poesie!"... e poi non ho avuto il coraggio di avvicinarmi***

"D'amore si muore ma io no" [Rizzoli] è il primo romanzo di Catalano - per Miraggi Edizioni ha pubblicato le raccolte di poesie "Ti amo ma posso spiegarti" e "Piuttosto che morire m'ammazzo" - e sicuramente vi farà venire voglia di seguirlo - su Facebook, alle serate di letture che fa, per strada... - perché la sua scrittura possiede un carisma che, forse, non riuscirete a spiegare. Ma è lì e ne resterete conquistati.

«Ti ho cercata un sacco, sai?»
«E come hai fatto a trovarmi?»
«Prima ho seguito il sentiero di mollichine di pane.»
«E poi?»
«Il bat-segnale.»
«E poi?»
«La stella cometa.»
«E poi mi hai trovata?»
«Sì. Eri bella.»
«Ero simpatica?»
«Eri sorridente.»
«Ero contenta.»
«Ero impacciato.»
«Però mi hai baciata.»
«Come fosse l’ultima cosa che facevo prima di partire per la guerra.»
«Avevo un bel vestito?»
«Sì, blu e rosso corto, un sacco primaverile.»
«C’era il sole?»
«C’eravamo tu, io e il sole.»
«Hai fatto bene a cercarmi.»
«Sei stata brava a farti trovare.»

Ma la buona scrittura, in prosa o in versi, forse non ha bisogno di essere spiegata, basta che arrivi alla testa, al cuore, alle labbra per farle aprire in un sorriso.
Questo libro è una lunga e ben articolata prosa poetica: poetiche sono le situazioni e le parole che le descrivono, poetici sono i personaggi - Giacomo, Agata e tutti quelli che ruotano attorno a loro - e i sentimenti che trasmettono al lettore, poetico è l'autore che di mestiere fa il poeta e, alla fine, ci sentiamo un po' poetici anche noi lettori. Perché quel senso di leggerezza pesante, quasi insostenibile ma alla fine indispensabile, si annida pian piano, pagina dopo pagina, anche nel nostro animo e ci viene da sorridere.

Ogni tanto bisogna dirglielo alle mamme che gli si vuole bene. Intanto che il tè si infonde nell'acqua calda telefono a mia mamma che ci impiega sempre tipo cinque minuti a rispondere, io lo so e tengo pazienza.
«Mamma?»
«Eh.»
«Volevo dirti che in caso di attacco zombi saresti tu la prima persona che verrei a salvare.»
«Grazie.»
«Prego.»
«Ciao, ci vediamo giovedì a pranzo.»
«Ciao.»

È questa semplicità di parola che mi piace di Guido Catalano, l'ironia e la comicità che si palesano con la linearità che arriva dritta al punto: la poesia va ricercata in qualsiasi cosa, perché anche la routine quotidiana, un po' stralunata e ripetitiva, può essere una felice epifania di tenerezza.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…